Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il messaggio pasquale 2024 dalle Chiese di Terra Santa

Terrasanta.net
28 marzo 2024
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il messaggio pasquale 2024 dalle Chiese di Terra Santa
I patriarchi e capi delle Chiese di Terra Santa durante una conferenza stampa dello scorso ottobre. (foto pgpo/Custodia Terra Santa)

In mezzo alle sofferenze che affliggono i popoli della Terra Santa di questi tempi riecheggia anche quest'anno l'annuncio pasquale del Signore Gesù che ci associa alla sua vittoria sulla morte. Insieme alla denuncia di ogni violenza e a un rinnovato appello a negoziati di pace.


(g.s.) – Le Chiese d’Oriente ed Occidente quest’anno celebrano la Pasqua in date lontane: per ortodossi ed etiopi la solennità cadrà domenica 5 maggio. Ieri, 27 marzo, i patriarchi e capi delle Chiese di Terra Santa hanno comunque voluto indirizzare, tutti insieme, il loro messaggio augurale ai cristiani di tutto il mondo e ai popoli della regione.

Due versetti del Nuovo Testamento introducono il messaggio: «Noi sappiamo che Cristo, risorto dai morti, non muore più; la morte non ha più potere su di lui. Infatti egli morì, e morì per il peccato una volta per tutte; ora invece vive, e vive per Dio». (Lettera ai Romani 6, 9-10)

Poco oltre il testo riprende altre parole dell’apostolo Paolo: «Come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova. Se infatti siamo stati intimamente uniti a lui a somiglianza della sua morte, lo saremo anche a somiglianza della sua risurrezione». (Rm 6,4b-5).

Nel diffondere questo annuncio pasquale, i capi delle Chiese riconoscono pienamente «l’intensa sofferenza che ci circonda qui in Terra Santa, così come in tante altre parti del mondo» e denunciano nuovamente «tutte le azioni violente nell’attuale guerra devastante, in particolare quelle dirette contro civili innocenti», e ribadiscono il loro appello «per un cessate il fuoco immediato e prolungato». Guardando soprattutto alla Striscia di Gaza, pur senza nominarla espressamente, chiedono «la rapida distribuzione degli aiuti umanitari; il rilascio di tutti i prigionieri; il libero accesso di medici e personale medico completamente attrezzati per curare i malati e i feriti; e l’apertura di negoziati facilitati a livello internazionale volti a porre fine e superare l’attuale ciclo di violenza».

→ Leggi anche: L’amara Pasqua dei cristiani di Gaza

Nell’estendere questo messaggio pasquale ai cristiani e alle altre persone in tutto il mondo, gli ecclesiastici inviano un saluto speciale «a quei fedeli di Gaza che hanno portato croci particolarmente pesanti negli ultimi mesi». Tra costoro vi sono le persone rifugiate nelle chiese di San Porfirio (greco-ortodossa) e della Sacra Famiglia (cattolica latina), «così come il personale coraggioso e i volontari dell’ospedale Ahli, gestito dagli anglicani, insieme ai pazienti che servono».

«A loro e a quanti guardano con fede alla risurrezione di Cristo, anche in mezzo alle tenebre presenti, affermiamo con san Paolo questa acclamazione di speranza: “Sono infatti convinto che né la morte, né la vita, né gli angeli, né i potenti né cose presenti, né cose future, né potenze, né altezza, né profondità, né alcuna altra cosa in tutta la creazione potrà separarci dall’amore di Dio in Cristo Gesù, nostro Signore” (Rm 8,38-39)».

Clicca qui per la versione integrale del messaggio (in lingua inglese)

Articoli correlati
«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita
«Voi chi dite che io sia?»
Francesco Patton

«Voi chi dite che io sia?»

In cammino con Pietro sulle orme di Gesù