Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Danni collaterali

Terrasanta.net
3 novembre 2023
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Danni collaterali
31 ottobre 2023. Serre per la coltivazione idroponica di lattuga nell'area israeliana a ridosso della Striscia di Gaza. Il raccolto andrà perso per mancanza di manodopera. (foto Yonatan Sindel/Flash90)

Tre quarti della verdura prodotta in Israele e un quinto della frutta crescono in coltivazioni, serre e fattorie a ridosso della Striscia di Gaza, riferiva The Times of Israel il 20 ottobre scorso. Il che significa che si va incontro a grosse, temporanee, perdite di raccolti, in seguito alle azioni terroristiche del 7 ottobre, che hanno avuto come teatro proprio questa regione.

Molta della manodopera impiegata in queste aziende è straniera, in gran parte thailandese. Lavoratori migranti che, vista la mala parata e la morte di decine di loro negli eccidi del «Sabato nero», ora preferiscono stare alla larga da queste zone, non ancora sicure per via dei razzi che di tanto in tanto continuano a piovere dalla Striscia. Non pochi thailandesi intendono rientrare nel proprio Paese. (g.s.)

Articoli correlati
«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita
«Voi chi dite che io sia?»
Francesco Patton

«Voi chi dite che io sia?»

In cammino con Pietro sulle orme di Gesù