Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Per Israele l’Italia è di nuovo ad alto rischio Covid

Terrasanta.net
7 agosto 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Per Israele l’Italia è di nuovo ad alto rischio Covid
Test anti Covid-19 a un passengero in transito all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv il 12 luglio 2021. (foto Flash90)

Dal 6 agosto misure più stringenti per chi arriva in Israele dall'Italia. Obbligatori 7 giorni di quarantena e autoisolamento anche se vaccinati e con due tamponi molecolari negativi.


(g.s.) – Una comunicazione del ministero del Turismo israeliano indirizzata il 3 agosto 2021 agli operatori del settore notifica che anche l’Italia viene inclusa nella lista dei paesi ad alto rischio di Covid-19. Sulla base di questa decisione da venerdì 6 agosto chi arriva dall’Italia in Israele, anche se vaccinato e in possesso di due tamponi molecolari (o Pcr) negativi (uno effettuato prima della partenza e uno all’arrivo in Israele), deve sottoporsi a 7 giorni di quarantena e autoisolamento (salvo deroghe autorizzate dagli organismi sanitari competenti su richiesta dell’interessato).

Il che comporta anche che nessuna comitiva proveniente dall’Italia e dagli altri Paesi inclusi nella lista potrà partecipare al programma pilota che Israele ha messo in atto da maggio per avviare con estrema cautela la ripresa degli arrivi turistici.

In altri termini ciò significa che la stagione dei viaggi e pellegrinaggi in Terra Santa subisce, purtroppo, un ulteriore rinvio.

I Paesi inclusi nella lista israeliana delle nazioni ad alto, o altissimo, rischio sono al momento: Guatemala, Emirati Arabi Uniti, Honduras, Namibia, Colombia, Mongolia, Myanmar, Isole Figi, Cambogia, Argentina, Bielorussia, Brasile, Cipro, Georgia, Gran Bretagna, India, Kirghizistan, Messico, Russia, Spagna, Sud Africa, Turchia, Uzbekistan. Alla luce dell’evolversi della curva dei contagi nelle ultime settimane il 3 agosto sono stati inclusi nella lista anche Ucraina, Italia, Islanda, eSwatini (già Swaziland), Stati Uniti, Botswana, Bulgaria, Germania, Paesi Bassi, Tanzania, Grecia, Malawi, Egitto, Repubblica Ceca, Francia, Cuba, Ruanda e Tunisia.

Articoli correlati

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Guida letteraria del vino
Anna Maria Foli

Guida letteraria del vino

Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Collectanea 54 (2021)

Collectanea 54 (2021)

Studia-documenta
Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico