Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Noam e l’inattesa esperienza con il Covid-19

Giulia Ceccutti
12 maggio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Noam e l’inattesa esperienza con il Covid-19
Noam all'ospedale Hadassah di Gerusalemme durante le cure per il Covid-19.

Non aveva previsto un incontro tanto ravvicinato con il coronavirus durante la sua tournée statunitense. Tornata a casa anzitempo, Noam si è ritrovata nel ruolo di paziente (non troppo grave). Un'esperienza inattesa sotto molti punti di vista per questa giovane donna di spettacolo nata e cresciuta a Neve Shalom Wahat al-Salam, in Israele


«Un viaggio folle». Tre parole per definire la sua esperienza come paziente Covid-19. A sceglierle è Noam Shuster Eliassi, trentaduenne attrice comica e attivista israeliana che i lettori di Terrasanta.net già conoscono.

Nominata nel 2018 a Londra New Jewish Comedian of the Year e prima attrice ebrea a calcare, nello stesso anno, le scene del Palestine Comedy Festival, Noam, che si esibisce in ebraico, arabo e inglese, si muove da sempre con naturalezza tra il mondo ebraico e quello arabo. Cercando di «tenerli insieme».

Il suo viaggio nella malattia inizia ad aprile, al rientro in Israele dopo un periodo fitto di spettacoli e di eventi negli Stati Uniti. Dall’Università di Harvard al palcoscenico del Kennedy Center di Washington, in programma per maggio: un sogno realizzato e bruscamente interrotto dallo scoppio della pandemia.

Al ritorno a casa, nel villaggio di Neve Shalom Wahat al-Salam (l’unica comunità oggi in Israele nella quale vivono insieme per scelta famiglie ebree e arabe di cittadinanza israeliana), i sintomi del coronavirus, l’affanno e la preoccupazione. Quindi un ricovero all’ospedale Hadassah di Gerusalemme, 24 ore sotto ossigeno, e finalmente, la dimissione, il trasferimento al Dan Hotel, alle pendici del Monte Scopus, per la quarantena. In Israele sono una decina i cosiddetti Corona hotel: alberghi – controllati dall’esercito – che ospitano pazienti affetti da Covid-19 con sintomi lievi, cui è consentito socializzare, o cittadini che rientrano dall’estero per due settimane di isolamento.

Una convivenza insolita

«Appena arrivata all’hotel, mi è stato detto che nella lobby c’era una lezione di Zumba. In quel momento ho capito di trovarmi in un posto veramente bizzarro e speciale», racconta Noam. E speciale lo era davvero. Ebrei e palestinesi, ortodossi e laici, persone con alle spalle storie disparate, appartenenti a ceti e frammenti diversi di popolazione: tutti insieme, dal mattino alla sera, alle prese con la guarigione dallo stesso male. Assenti i conflitti – palesi o latenti – e le dinamiche di potere che di solito contraddistinguono la vita sociale in Israele.

Un pianoforte nella lobby suonato sempre da qualcuno, a tutte le ore, per il piacere di piccoli o grandi gruppi di ascoltatori. Volontari che gratuitamente mettevano a disposizione le proprie competenze: dall’insegnante di yoga alla parrucchiera. Ma soprattutto tanti, piccoli gesti spontanei di solidarietà e reciproca cura.

«Era una situazione estrema», continua Noam. «Non c’erano il razzismo, gli atteggiamenti intolleranti e l’odio che, purtroppo, si respirano di solito qui. Gli ospiti dell’hotel erano tutti concentrati sulla malattia, e penso che quest’ultima abbia tirato fuori dalle persone – in modo per me totalmente inaspettato – il sentimento della compassione. Questo perché tutti avevamo un solo nemico comune: il virus».

Ridere per guarire

Chiediamo a Noam di citare un episodio per lei particolarmente piacevole. Ci racconta ridendo di un giorno in cui lei e un’amica hanno avuto una sorta di choc nel realizzare che tutto stava andando bene: «Non c’erano tensioni, non avevamo problemi. Allora con questa amica abbiamo inscenato una vera e propria lite furibonda nella hall, ed è stato molto divertente».

In due settimane, Noam si è esibita due volte – pur con un po’ di fatica nella voce – di fronte al composito pubblico del Dan Hotel. Far ridere gli altri, conclude, è stata senza dubbio la sua miglior medicina.

Noam ha raccontato la sua insolita esperienza di quarantena comunitaria alla Cnn. Clicca qui per guardare il servizio in inglese.

Articoli correlati

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine