Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

C’è poco da festeggiare

Terrasanta.net
10 dicembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
C’è poco da festeggiare
La cerimonia di accensione dell'albero di Natale nella piazza della Mangiatoia a Betlemme, il 4 dicembre 2021. (foto Nasser Ishtayeh/Flash90)

Sotto il profilo strettamente turistico anche questo Natale 2021 a Betlemme sarà un po’ meno lieto.

È di ieri, 9 dicembre, la decisione del governo israeliano di prolungare fino al giorno 22 di questo mese il divieto di ingresso nel Paese agli stranieri, come misura di contenimento della variante Omicron del coronavirus Sars-Cov2. Così, appare assai difficile che ci siano comitive di pellegrini che attraverseranno i varchi con la Cisgiordania per giungere a Betlemme il 25 dicembre, per le liturgie natalizie delle Chiese occidentali. Potrebbe, forse, andare meglio ai fedeli delle Chiese d’Oriente che celebrano la solennità in gennaio.

Certo, il Natale cristiano è anzitutto un momento di gioia e contemplazione della nascita del Bambino Gesù tra le nostre miserie e povertà umane. In questo senso la festa non perde un grammo del suo inestimabile valore. Ma per le tante famiglie – palestinesi o israeliane – che hanno nel turismo la principale fonte di sostentamento la situazione rimane grama. (g.s.)

 


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da più di 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento
Articoli correlati
La ricchezza del bene – nuova edizione
Safiria Leccese

La ricchezza del bene – nuova edizione

Storie di imprenditori fra anima e business
Incerti legami
Sandro Carotta

Incerti legami

Letture dalla Genesi
Spostare le montagne
Alessio Barberi

Spostare le montagne

L'energia della preghiera fra scienza e spiritualità