Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Gli anglicani di Terra Santa e il coronavirus

Christian Media Center
20 maggio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

L’impossibilità di celebrare insieme ai fedeli, le difficoltà economiche per le sue strutture, l'assenza di pellegrini, la gestione dei tre ospedali. Due mesi e mezzo di lockdown si sono fatti sentire anche per la Chiesa anglicana in Terra Santa.


Ne parliamo con il reverendo Hosam Naoum, nuovo vescovo coadiutore della diocesi di Gerusalemme, che ha giurisdizione sugli anglicani in Israele, Palestina, Giordania, Libano e Siria.

Articoli correlati

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il dono della speranza
Alessandro Cavicchia

Il dono della speranza

Per attraversare la pandemia, e non solo
Bibbia tra orientalistica e storiografia
Tomislav Vuk

Bibbia tra orientalistica e storiografia

Una introduzione