Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Medio Oriente e le barricate a venire

Fulvio Scaglione
14 maggio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Quando il Covid-19 sarà messo sotto controllo, i governi del Medio Oriente dovranno trovare le risorse per rimediare ai danni subiti. Sarà però difficile reperirle e a quel punto le proteste, silenziate per mesi, riesploderanno.


È impossibile prevedere quando e come i Paesi dell’Occidente usciranno dalla crisi indotta dal coronavirus. Sappiamo invece che cosa succederà, a quel punto, nei Paesi del Medio Oriente: una nuova, ancor più disperata ondata di proteste. L’emergenza sanitaria, infatti, è riuscita in un’impresa che governi, polizie ed eserciti avevano mancato, ovvero interrompere le proteste che, dall’Iraq all’Iran, dall’Algeria al Libano e all’Egitto, stavano scuotendo regimi di diverso orientamento, tutti però giudicati inadempienti o fallimentari da larghe o larghissime fasce della popolazione. Una specie di seconda primavera araba che è stata messa a tacere dalla paura del contagio, anche se i problemi che l’avevano generata sono ancora tutti sul tappeto: l’inefficienza degli apparati amministrativi, la corruzione imperante a ogni livello di sistemi di governo dai metodi a dir poco opachi (una ricerca della Banca Mondiale ha calcolato tra il 7 e il 14 per cento la percentuale di reddito sottratta ogni anno ai cittadini dalle ruberie istituzionalizzate), l’instabilità permanente, la violenza nel rapporto tra Stato e cittadini, la disoccupazione o l’occupazione informale senza garanzie né prospettive.

Prima del virus, i protagonisti delle manifestazioni erano i giovani e i giovanissimi, che incarnano il vero drammatico problema della regione. In Medio Oriente bambini, adolescenti e giovani (fino ai 25 anni) formano il 50 per cento della popolazione totale. Un enorme serbatoio di energie perennemente deluso e quindi, come abbiamo visto in questi anni, pronto a far esplodere rabbia e sfiducia.

Quando il virus sarà messo sotto controllo, i governi di quei Paesi dovranno trovare le risorse per rimediare ai danni subiti. Non potranno certo mobilitare le risorse di cui si parla in Europa o in America. E non troveranno facile accesso alle casse dei Paesi occidentali, a loro volta già impegnati allo spasimo. In più, è drasticamente calato il flusso delle rimesse degli emigrati (meno 100 miliardi di dollari nei primi tre mesi della crisi), risorsa che contribuiva a tenere in equilibrio il bilancio di milioni di famiglie mediorientali. Stiamo parlando di governi che già avevano tradito le attese dei loro cittadini e che hanno approfittato del clima plumbeo di questa crisi per reprimere ancor più il dissenso e la critica. Possiamo davvero aspettarci che di colpo, dopo l’impatto del virus, trovino le risorse ma soprattutto il coraggio, l’energia, la capacità e l’onestà per essere all’altezza della sfida? Toccherà di nuovo ai giovani suonare l’allarme. E speriamo che il bilancio non diventi troppo drammatico.


 

Perché Babylon

Babilonia è stata allo stesso tempo una delle più grandi capitali dell’antichità e, con le mura che ispirarono il racconto biblico della Torre di Babele, anche il simbolo del caos e del declino. Una straordinaria metafora del Medio Oriente di ieri e di oggi, in perenne oscillazione tra grandezza e caos, tra civiltà e barbarie, tra sviluppo e declino. Proveremo, qui, a raccontare questa complessità e a trovare, nel mare degli eventi, qualche traccia di ordine e continuità.

Fulvio Scaglione, nato nel 1957, giornalista professionista dal 1981, è stato dal 2000 al 2016 vice direttore di Famiglia Cristiana. Già corrispondente da Mosca, si è occupato in particolare della Russia post-sovietica e del Medio Oriente. Ha scritto i seguenti libri: Bye Bye Baghdad (Fratelli Frilli Editori, 2003), La Russia è tornata (Boroli Editore, 2005), I cristiani e il Medio Oriente (Edizioni San Paolo, 2008), Il patto con il diavolo (Rizzoli, 2016). Prova a raccontare la politica estera anche in un blog personale: www.fulvioscaglione.com

Articoli correlati
Holy Land. Archaeology on Either Side

Holy Land. Archaeology on Either Side

Archaeological Essays in Honour of Eugenio Alliata ofm
Almanacco filosofico

Almanacco filosofico

Pagine per un anno dai più grandi pensatori d'ogni tempo e latitudine
I cuccioli dell’ISIS
Stefano Luca

I cuccioli dell’ISIS

L'ultima degenerazione dei bambini soldato
Charles de Foucauld
Silvano Zoccarato

Charles de Foucauld

Il mio santo in cammino