Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Nuova iniziativa del Papa per il Libano

Terrasanta.net
31 maggio 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Nuova iniziativa del Papa per il Libano

Francesco promuove un incontro in Vaticano con i responsabili delle comunità cristiane libanesi il primo luglio prossimo. Sarà un momento di riflessione e preghiera sul presente e il futuro del tribolato Paese.


(c.l./g.s.) – Dopo la preghiera dell’Angelus in piazza San Pietro a mezzogiorno di domenica scorsa, 30 maggio, papa Francesco ha annunciato che il primo luglio prossimo incontrerà in Vaticano «i principali responsabili delle comunità cristiane presenti in Libano, per una giornata di riflessione sulla preoccupante situazione del Paese e per pregare insieme per il dono della pace e della stabilità». Bergoglio affida quella causa «all’intercessione della Madre di Dio, tanto venerata al Santuario di Harissa» (poco a nord di Beirut – ndr) e chiede a tutti di accompagnare «la preparazione di questo evento con la preghiera solidale, invocando per quell’amato Paese un futuro più sereno».

Per il momento il Vaticano non ha ancora reso noto chi attornierà il Papa quel primo giovedì di luglio.

Il sostegno incrollabile del Papa

Già il 27 aprile scorso, papa Francesco aveva affermato, in una lettera indirizzata al presidente libanese Michel Aoun, che «il Libano non può perdere la sua identità, né quell’esperienza del vivere insieme fraterno, che lo rende un messaggio per il mondo intero». Il primo ministro incaricato Saad Hariri, dopo essere stato ricevuto in udienza privata in Vaticano il 22 aprile scorso, aveva reso noto che il Papa gli ha espresso il desiderio di recarsi in Libano una volta che sarà entrato in carica il nuovo governo (in cantiere dall’estate scorsa, ma senza frutti, per il persistere di veti incrociati tra i politici). Un desiderio, quello di recarsi a Beirut, che Francesco stesso aveva comunicato ai giornalisti durante la conferenza stampa sull’aereo che lo riportava a Roma da Baghdad ai primi di marzo.

In tempi recenti Bergoglio ha più volte attirato l’attenzione del mondo sul Libano. Ultimamente lo ha fatto nel discorso che a Pasqua precede la benedizione del Papa alla città di Roma e al mondo (urbi et orbi), il 4 aprile scorso, e in un passaggio dell’allocuzione al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede l’8 febbraio di quest’anno.

Un Paese allo sbando

Nell’ultimo biennio il Libano conosce una crisi sociale, politica e istituzionale gravissima. L’economia è a pezzi e il Paese è nel suo momento più buio dopo la guerra civile che lo stravolse tra il 1975 e il 1990. La devastante esplosione nel porto di Beirut del 4 agosto 2020 – la cui onda d’urto ha danneggiato moltissimi edifici della capitale – e la pandemia del Covid-19 hanno ulteriormente aggravato i problemi. Il popolo è disgustato dalla classe dirigente; i prezzi sono alle stelle; il tasso di disoccupazione continua a crescere e oltre metà della popolazione vive ormai al di sotto della soglia di povertà, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Dal canto suo il patriarca maronita, cardinal Beshara Rai, non si stanca di chiedere a gran voce la convocazione di una speciale conferenza internazionale per salvare il Libano.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Vite meravigliose
Paolo Martinelli

Vite meravigliose

Zuppe, balene e pecore smarrite
Marco Tibaldi

Zuppe, balene e pecore smarrite

Racconti di uomini, donne e cose dallo straordinario mondo della Bibbia