Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Libano, il governo Diab chiede fiducia

Terrasanta.net
24 gennaio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Libano, il governo Diab chiede fiducia
La compagine del governo Diab posa insieme al capo dello Stato Michel Aoun (al centro) e al presidente del Parlamento, Nabih Berri.

Lavorano alla stesura del programma di governo i ministri che si sono insediati il 22 gennaio alla guida del Paese. Conquistare il consenso delle piazze e della comunità internazionale sarà il loro difficile compito.


(g.s.) – Il 22 gennaio scorso si è insediato a Beirut il nuovo governo libanese forgiato dal premier Hassan Diab. La prima riunione si è svolta al palazzo presidenziale, sotto la guida del capo dello Stato Michel Aoun.

È un passo avanti. Le istituzioni repubblicane escono così da uno stallo istituzionale che durava dall’autunno, nonostante i pressanti inviti a fare presto provenienti dall’interno del Paese e dalla comunità internazionale.

I ministri sono 20, di cui 6 donne. Tra loro 8 sono musulmani (4 sunniti e 4 sciiti), 10 cristiani (6 cattolici, maroniti e melchiti, e 4 ortodossi, greci e armeni), 2 drusi. Solamente due membri del nuovo governo (uno è il premier) hanno già alle spalle un’esperienza ministeriale. Tutti gli altri sono tecnici con competenze e professionalità le più varie, parecchi dei quali hanno percorso almeno un tratto della propria formazione accademica in un ateneo nordamericano o europeo. Altro elemento comune è l’insegnamento in una o l’altra delle molte università (private) presenti in Libano.

Far fronte alle emergenze

Il primo ministro Diab rimarca che l’esecutivo da lui formato è, in qualche modo, espressione delle richieste che salgono dalle manifestazioni popolari che si susseguono nelle piazze libanesi dallo scorso ottobre e tiene aperti canali di dialogo con le varie anime della protesta (sarebbero oltre un centinaio, a suo dire, i gruppi organizzati che la alimentano). Molti, tra gli osservatori e i manifestanti, pensano che il nuovo esecutivo sia stato plasmato essenzialmente dall’Alleanza 8 marzo, il raggruppamento di forze filo-siriano, nel quale gli sciiti di Hezbollah fanno la parte del leone.

Diab nei giorni scorsi ha fatto intendere che dovranno essere adottate misure coraggiose e in discontinuità con il passato. D’altronde, ha detto chiaramente, «siamo di fronte a una catastrofe e dobbiamo alleggerirne l’impatto e le ripercussioni sui libanesi». Il riferimento è alle drammatiche condizioni dell’economia nazionale.

Anche il presidente Aoun, facendo gli auguri ai ministri, non ha taciuto le difficoltà del compito che li attende. Si tratta, sostanzialmente, di lavorare per «restaurare la fiducia della comunità internazionale nelle istituzioni libanesi e rassicurare i libanesi riguardo al futuro». Su entrambi i fronti – interno ed esterno – guadagnarsi fiducia non sarà semplice. Le piazze non sembrano affatto disposte a fare sconti.

Intanto proprio oggi, 24 gennaio, è in corso una riunione interministeriale per la stesura del programma da presentare al Parlamento per ottenere almeno la sua di fiducia. Si respira aria di vigilia, in attesa di vedere quali saranno i piani del governo Diab, che dovrà misurarsi con un debito pubblico che ha raggiunto il 150 per cento del pil. Tra le misure possibili ci sarebbe l’eventualità di indurre i libanesi detentori di titoli di Stato a scadenza annuale ad accettare un prolungamento della durata per ridare fiato alle finanze statali. Misura rischiosa però, perché potrebbe inviare ai mercati un segnale di possibile insolvenza dello Stato libanese. Il quale, in questa fase di incertezze, non può neppure fare troppo affidamento sulle rimesse e i risparmi, versati in banche nazionali, dei libanesi della diaspora.

Altra gatta da pelare è il possibile ricorso al Fondo monetario internazionale per una cifra variabile tra i 20 e i 25 miliardi di dollari. L’intervento dell’organizzazione internazionale – per nulla scontato – imporrebbe l’adozione di misure di politica economica dolorose e impopolari. Senza contare che taluni economisti paventano un’imminente pesante fase di depressione in tutto l’Occidente.

Riuscirà il Libano a rimettersi in piedi? Lo capiremo, forse, nei prossimi giorni.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Terra Santa in tasca – II edizione
Elena Bolognesi

Terra Santa in tasca – II edizione

Israele e Palestina
Il libro dell’amore
Sandro Carotta

Il libro dell’amore

Leggere il Cantico dei Cantici