Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

In Libano le dimissioni di Hariri non tacitano le piazze

Giuseppe Caffulli
30 ottobre 2019
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
In Libano le dimissioni di Hariri non tacitano le piazze
Contestato dalle piazze, il premier libanese Saad Hariri annuncia le dimissioni.

Ieri, 29 ottobre 2019, il primo ministro libanese Saad Hariri ha annunciato le proprie dimissioni, perché si sente in un vicolo cieco. Ai manifestanti però non basta. E per le strade serpeggia la violenza.


Dopo due settimane di proteste, di occupazione di piazze e strade, la crisi libanese sembra imboccare una nuova fase. Che potrebbe però riservare ancora maggiori incertezze al Paese. Il primo ministro libanese, Saad Hariri, ha annunciato ieri le sue dimissioni, una mossa che a molti sembra quasi una resa in un Paese paralizzato dalle continue crisi politiche.

L’annuncio del premier è arrivato dopo che, nelle ultime ore, la protesta aveva imboccato una strada violenta, con saccheggi e atti vandalici per le vie centrali di Beirut. Hariri, che nelle ultime settimane ha cercato di venire incontro alle proteste di piazza varando una serie di riforme e di tagli alla spesa, ha affermato che, con il suo gesto, intende dare uno choc positivo al Libano.

Le proteste degli ultimi giorni hanno ulteriormente aggravato la crisi del Paese, sull’orlo di un collasso economico che potrebbe paralizzare la vita civile e il sistema bancario, con conseguenze inimmaginabili.

In un vicolo cieco

Resta comunque sul tappeto la profondità della crisi libanese, che risiede, secondo molti osservatori, soprattutto nel sistema politico: quella «democrazia accomodata» che per anni ha garantito la rappresentanza delle varie componenti, ma che alla fine ha favorito una forma spinta di consociativismo e alimentato la corruzione.

La scelta di Hariri di rassegnare le dimissioni ha come principali oppositori gli esponenti sciiti delle milizie Amal e del movimento Hezbollah. Il leader di quest’ultimo, Hassan Nasrallah – la personalità più potente in Libano, benché non rivesta alcun incarico istituzionale –, ha messo in guardia gli esponenti delle altre forze politiche circa i rischi che il Paese corre se saltano gli equilibri interni. Anche i sostenitori di Hariri nutrono dubbi circa la mossa del premier, che però potrebbe togliersi di torno proprio per garantire la possibilità che non venga smantellato il sistema di spartizione del potere.

Quale possa essere l’alternativa a Hariri non è dato sapere. Quel che è certo è che alla piazza il «sacrificio» del primo ministro potrebbe non bastare. L’obiettivo, come ripetono con insistenza i dimostranti, è tutto il sistema. «Hariri ha fatto il primo passo – spiegano sui social che hanno rilanciato le tesi della protesta –. Gli altri politici dovrebbero avere la dignità di fare altrettanto».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme