Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un appello alla solidarietà per Beirut

Terrasanta.net
6 agosto 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un appello alla solidarietà per Beirut
Una veduta del porto di Beirut (Libano) il giorno dopo le esplosioni del 4 agosto 2020 che lo hanno completamente devastato, insieme a molti edifici cittadini. (foto Epa/Wael Hamzeh)

La Chiesa libanese tende la mano alla solidarietà internazionale, perché corra in soccorso della popolazione di Beirut, devastata dalle esplosioni nel porto il 4 agosto 2020. Tra i primi a mobilitarsi le comunità cattoliche di Terra Santa.


(g.s.) – Con una lettera scritta il 5 agosto nella sua residenza estiva di Dimane – tra i boschi della valle di Kadisha – il patriarca dei cattolici di rito maronita, l’ottantenne cardinale Beshara Boutros Rai, si appella alla solidarietà delle nazioni perché corrano in soccorso del Libano in questo difficilissimo momento della sua storia.

«Beirut è una città devastata – scrive Rai nella sua veste di presidente dell’episcopato cattolico libanese –. C’è uno scenario bellico senza che vi sia una guerra. Ci sono distruzione e desolazione nelle sue vie, nei suoi quartieri, nelle sue case. Decine di cittadine e cittadini hanno perso la vita; a migliaia sono feriti; ospedali, chiese, case, sedi di varie istituzioni, alberghi, negozi ed edifici pubblici e privati di vario genere sono distrutti. Le famiglie rimaste senza tetto sono centinaia».

Il patriarca maronita: «Da soli non ce la facciamo»

Tutto ciò, annota il cardinale, accade mentre lo Stato versa in una situazione fallimentare sotto il profilo economico e finanziario, che gli impedirà di far fronte alla catastrofe umanitaria e dare adeguato soccorso a una popolazione che si trova già in una situazione di povertà ed indigenza.

Durante la crisi in atto la Chiesa, dice Rai, ha già organizzato una rete di solidarietà in tutto il Paese e farà la sua parte anche davanti a questa nuova tragedia. Le sue sole forze, però, non bastano. Ecco perché il patriarca ringrazia tutti gli Stati che hanno espresso la propria disponibilità ad aiutare Beirut e si rivolge alle nazioni più grandi e all’Onu perché si mobilitino nel soccorrere la capitale libanese a prescindere da qualsiasi considerazione di ordine politico. Analoga richiesta viene rivolta alle organizzazioni caritative di tutto il mondo.

Sul piano operativo, il cardinale – consapevole del discredito che grava sulla classe politica nazionale – propone l’istituzione di un fondo d’emergenza per la gestione degli aiuti, le cui casse siano poste sotto il diretto controllo delle Nazioni Unite.

Solidarietà da Gerusalemme e dall’Italia

Sul versante ecclesiale, tra i primi a mobilitarsi c’è il Patriarcato latino di Gerusalemme. L’amministratore apostolico, mons. Pierbattista Pizzaballa, ha invitato tutti i fedeli a pregare per i fratelli e le sorelle libanesi, soprattutto durante le messe domenicali del 9 e del 16 agosto. In quelle date in tutte le parrocchie sparse in Israele, Territori Palestinesi, Giordania e Cipro le offerte raccolte verranno inviate a Beirut. Considerato che le restrizioni derivanti dalle misure di contenimento della pandemia da Covid-19 impediscono a molti di recarsi in chiesa, sarà possibile versare offerte anche tramite banca.

I francescani della Custodia di Terra Santa – il cui convento nel centro di Beirut ha subito gravi danni – si sono attivati a loro volta tramite i suoi organismi. Anche dall’Italia chi volesse può mostrarsi solidale utilizzando uno di questi canali:

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19