Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dal 2 al 4 dicembre il Papa a Cipro (e poi in Grecia)

Terrasanta.net
5 novembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Dal 2 al 4 dicembre il Papa a Cipro (e poi in Grecia)
Il logo e il motto della visita di papa Francesco a Cipro.

È arrivata la conferma ufficiale: papa Francesco sarà a Cipro tra meno di un mese. Dopo la tappa a Nicosia, dal 2 al 4 dicembre, Bergoglio raggiungerà anche la Grecia – Atene e l'isola di Lesbo – prima di rientrare a Roma. La gioia delle Chiese locali.


(g.s.) – È stato ufficialmente annunciato quest’oggi, 5 novembre, l’imminente viaggio di papa Francesco a Cipro. Bergoglio sarà nell’isola del Mediterraneo orientale dal 2 al 4 dicembre. Di certo soggiornerà nella capitale Nicosia, ma al momento non è ancora noto il programma ufficiale della visita. Il direttore della sala stampa vaticana, Matteo Bruni, ha aggiunto che il Papa sarà poi in Grecia, fino al 6 dicembre. Tappe già previste sono Atene e l’isola di Lesbo.

Già da questi primi elementi c’è da presumere che anche in questo viaggio internazionale il Papa toccherà uno dei temi che gli stanno più a cuore: l’attenzione ai problemi dei migranti, che già incontrò a Lesbo nel 2016 e che a Cipro riempiono le chiese delle quattro parrocchie di rito latino, con numeri che superano anche quelli della comunità locale, composta soprattutto da cattolici di rito maronita.

>>> Leggi anche: I francescani a Cipro. La storia in breve

Salutano con gioia la visita di papa Francesco a Cipro il patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa (che ha giurisdizione canonica anche sui latini che vivono sull’isola), l’arcivescovo maronita di Cipro, mons. Selim Sfeir (di fresca nomina) e il Custode di Terra Santa, Francesco Patton, con i frati che prestano servizio in tre parrocchie (Nicosia, Larnaca e Limassol) e nel Terra Sancta College della capitale. L’unico altro papa a metter piede su questo lembo di terra fu Benedetto XVI nel 2010.

In una lettera inviata oggi al popolo della sua diocesi, il patriarca Pizzaballa scrive: «Siamo lieti e onorati di questa visita, che vuole essere ad un tempo pellegrinaggio e incontro. Pellegrinaggio sulle orme dell’apostolo Barnaba, apostolo delle genti insieme a Paolo, padre della Chiesa di Cipro. Incontro con la realtà del Medio Oriente che fa confluire nel Mediterraneo e anche a Cipro il dramma di famiglie in fuga da guerre, povertà, lotte di potere e settarismi religiosi».

Pur non potendo ancora scendere nei dettagli del programma, il patriarca sottolinea che «oltre alle visite protocollari e di Stato, il Papa incontrerà l’arcivescovo Chrisostomos e la Chiesa ortodossa con la quale le relazioni sono eccellenti; ascolterà i religiosi e i sacerdoti che operano sull’isola; celebrerà una Santa Messa per tutti i cattolici nello stadio e incontrerà realtà di migranti e profughi. Il Papa, insomma, desidera toccare con mano ancora una volta la realtà di questa parte di mondo, che sembra incapace di conoscere la pace e di trovare una soluzione ai suoi problemi. Incontrerà, però, anche tante persone che non si rassegnano, ma che costruiscono concretamente il Regno di Dio con il loro impegno per custodire e proteggere l’immagine di Dio nella vita della Chiesa e nel volto dei poveri».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"