Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dal 2 al 4 dicembre il Papa a Cipro (e poi in Grecia)

Terrasanta.net
5 novembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Dal 2 al 4 dicembre il Papa a Cipro (e poi in Grecia)
Il logo e il motto della visita di papa Francesco a Cipro.

È arrivata la conferma ufficiale: papa Francesco sarà a Cipro tra meno di un mese. Dopo la tappa a Nicosia, dal 2 al 4 dicembre, Bergoglio raggiungerà anche la Grecia – Atene e l'isola di Lesbo – prima di rientrare a Roma. La gioia delle Chiese locali.


(g.s.) – È stato ufficialmente annunciato quest’oggi, 5 novembre, l’imminente viaggio di papa Francesco a Cipro. Bergoglio sarà nell’isola del Mediterraneo orientale dal 2 al 4 dicembre. Di certo soggiornerà nella capitale Nicosia, ma al momento non è ancora noto il programma ufficiale della visita. Il direttore della sala stampa vaticana, Matteo Bruni, ha aggiunto che il Papa sarà poi in Grecia, fino al 6 dicembre. Tappe già previste sono Atene e l’isola di Lesbo.

Già da questi primi elementi c’è da presumere che anche in questo viaggio internazionale il Papa toccherà uno dei temi che gli stanno più a cuore: l’attenzione ai problemi dei migranti, che già incontrò a Lesbo nel 2016 e che a Cipro riempiono le chiese delle quattro parrocchie di rito latino, con numeri che superano anche quelli della comunità locale, composta soprattutto da cattolici di rito maronita.

>>> Leggi anche: I francescani a Cipro. La storia in breve

Salutano con gioia la visita di papa Francesco a Cipro il patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa (che ha giurisdizione canonica anche sui latini che vivono sull’isola), l’arcivescovo maronita di Cipro, mons. Selim Sfeir (di fresca nomina) e il Custode di Terra Santa, Francesco Patton, con i frati che prestano servizio in tre parrocchie (Nicosia, Larnaca e Limassol) e nel Terra Sancta College della capitale. L’unico altro papa a metter piede su questo lembo di terra fu Benedetto XVI nel 2010.

In una lettera inviata oggi al popolo della sua diocesi, il patriarca Pizzaballa scrive: «Siamo lieti e onorati di questa visita, che vuole essere ad un tempo pellegrinaggio e incontro. Pellegrinaggio sulle orme dell’apostolo Barnaba, apostolo delle genti insieme a Paolo, padre della Chiesa di Cipro. Incontro con la realtà del Medio Oriente che fa confluire nel Mediterraneo e anche a Cipro il dramma di famiglie in fuga da guerre, povertà, lotte di potere e settarismi religiosi».

Pur non potendo ancora scendere nei dettagli del programma, il patriarca sottolinea che «oltre alle visite protocollari e di Stato, il Papa incontrerà l’arcivescovo Chrisostomos e la Chiesa ortodossa con la quale le relazioni sono eccellenti; ascolterà i religiosi e i sacerdoti che operano sull’isola; celebrerà una Santa Messa per tutti i cattolici nello stadio e incontrerà realtà di migranti e profughi. Il Papa, insomma, desidera toccare con mano ancora una volta la realtà di questa parte di mondo, che sembra incapace di conoscere la pace e di trovare una soluzione ai suoi problemi. Incontrerà, però, anche tante persone che non si rassegnano, ma che costruiscono concretamente il Regno di Dio con il loro impegno per custodire e proteggere l’immagine di Dio nella vita della Chiesa e nel volto dei poveri».

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Breve storia di Israele
Vincenzo Lopasso

Breve storia di Israele

Da Abramo alle origini della diaspora
Collectanea 57 (2024)

Collectanea 57 (2024)

Studia-documenta