Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Papa Francesco a Cipro in dicembre

(g.s.)
22 novembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Papa Francesco a Cipro in dicembre

Per la seconda volta in poco più di dieci anni un papa si reca in visita a Cipro. Francesco giungerà a Nicosia, la capitale, il 2 dicembre e ripartirà il 4 alla volta della Grecia. Farà tappa ad Atene e Lesbo prima di rientrare a Roma.


Dal 2 al 4 dicembre papa Francesco si reca a Cipro (successivamente, fino al 6, farà tappa in Grecia, con soste ad Atene e sull’isola di Lesbo, dove già si recò nel 2016). Nell’arco di poco più di un decennio è la seconda visita di un papa a Cipro: Benedetto XVI fu il primo vescovo di Roma a mettere piede in questo lembo di terra del Mediterraneo orientale nel giugno 2010. I cattolici a Cipro sono una minoranza piccola ma vivace, mobilitata per ricevere l’illustre ospite, come spiega il francescano di origini polacche fra Jerzy Kraj (61 anni) che sull’isola è vicario del patriarca latino di Gerusalemme.

Raggiunto da Christophe Lafontaine, della redazione francese di Terrasanta. net, fra Jerzy osserva che se l’annuncio ufficiale del viaggio è stato dato solo il 5 novembre, di un imminente arrivo del Papa si parlava già in luglio. «Nelle ultime quattro settimane – dice il frate – abbiamo deciso di dedicare ogni domenica a una riflessione legata al viaggio del Papa. Anzitutto a partire dalla lettera pastorale che mons. Pierbattista Pizzaballa, patriarca latino di Gerusalemme, ha scritto all’intera diocesi per questa occasione». I preparativi sono coordinati insieme con il neo arcivescovo maronita di Cipro, mons. Selim Sfeir (63 anni), nominato nel giugno scorso e insediatosi in settembre. Al momento in cui andiamo in stampa non è ancora noto il programma ufficiale della visita, ma padre Kraj anticipa che «si tratterà di una visita pastorale, ecumenica e solidale di solidarietà verso Cipro per la sua importante attività a favore dei migranti in cerca di un futuro migliore. È previsto innanzitutto un incontro con la Chiesa cattolica locale, che avrà luogo nella chiesa maronita di Nicosia, con religiosi e religiose, gruppi ecclesiali impegnati in attività pastorali e caritative. Nella vicina chiesa latina della Santa Croce ci sarà un accento più ecumenico e incentrato sull’attività per i migranti, intorno alla preghiera con e per loro, nonché testimonianze che saranno segno dell’impegno della Chiesa locale su questo versante. Non dobbiamo dimenticare che Cipro è il Paese d’Europa con il maggior numero di migranti rapportato alla popolazione locale».

In una nazione con una popolazione cristiana prevalentemente di religione greco-ortodossa saranno ineludibili gli accenti ecumenici del viaggio di Francesco. «La Chiesa ortodossa è ovviamente coinvolta in questa visita. Il Papa incontrerà anche il Santo Sinodo dei metropoliti ciprioti, farà visita al primate, l’arcivescovo Chrysostomos II (che già accolse Benedetto XVI – ndr), e pregherà nella nuova cattedrale di San Barnaba, dedicata al patrono dell’isola e consacrata l’11 giugno scorso».

L’invito al Papa è stato fatto, nel 2019, dal presidente della Repubblica di Cipro Nicos Anastasiades in vista del sessantesimo anniversario dell’indipendenza del Paese (1960-2020). Dal 2004 l’intero territorio di Cipro fa parte dell’Unione europea, ma il diritto comunitario non si applica nella parte dell’isola sotto controllo turco dal 1974 (l’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord è riconosciuta solo dal governo di Ankara). Il problema di Cipro spaccata in due si trascina da decenni. «Di fronte a questa dolorosa realtà – chiosa fra Kraj – qui tutti sperano di ottenere un forte sostegno dalla comunità internazionale per la causa della riunificazione e una maggiore tutela del patrimonio culturale e religioso nel nord dell’isola. Il Papa non toccherà certo gli aspetti politici, ma penso che vorrà esprimere la sua solidarietà a questa popolazione, senza fare distinzioni. Invierà certamente un messaggio positivo, un messaggio di speranza, di dialogo e, auspicabilmente, anche di riconciliazione».

Terrasanta 6/2021
Novembre-Dicembre 2021

Terrasanta 6/2021

Il sommario dei temi toccati nel numero di novembre-dicembre 2021 di Terrasanta su carta. Al centro un dossier di 16 pagine sul tema della Natività di Gesù nella storia dell'arte, pittorica e non solo. Buona lettura!

Presepe a colori
Rosa Giorgi

Presepe a colori

Il soggetto Natività s'è fatto largo a poco a poco nella pittura cristiana. E da subito ha dato grande importanza alla simbologia, appoggiandosi sui racconti evangelici (anche apocrifi) e sugli scritti dei Padri della Chiesa.

Cipro, le fedi nell’isola divisa
Francesco Pistocchini

Cipro, le fedi nell’isola divisa

Terza isola del Mediterraneo per grandezza, Cipro ha un territorio suddiviso, di fatto, in cinque porzioni. Una complessità geopolitica che si riflette nelle appartenenze religiose dei ciprioti.

Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Abbonamenti

Il periodico Terrasanta è per chi vuole approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
La ricchezza del bene – nuova edizione
Safiria Leccese

La ricchezza del bene – nuova edizione

Storie di imprenditori fra anima e business
Incerti legami
Sandro Carotta

Incerti legami

Letture dalla Genesi
Spostare le montagne
Alessio Barberi

Spostare le montagne

L'energia della preghiera fra scienza e spiritualità