Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Gli omaggi filatelici al viaggio di Papa Francesco in Terra Santa

Danilo Bogoni
4 giugno 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Speciali francobolli e annulli hanno salutato e scandito il recente pellegrinaggio di Papa Francesco in Terra Santa. Tutto è avvenuto nel rispetto della tradizione. All'iniziativa delle Poste Vaticane si sono affiancate quelle dei servizi postali di Giordania e Israele. Altre emissioni celebrative del viaggio papale sono attese nei prossimi mesi.


Speciali francobolli e annulli hanno salutato e scandito il recente pellegrinaggio di Papa Francesco in Terra Santa. Tutto è avvenuto nel rispetto della tradizione. A cominciare dal Vaticano il quale, attraverso il proprio servizio postale, ha posto in uso tre annulli che hanno timbrato la corrispondenza impostata tra il 24 e il 26 maggio scorso.

Il primo di questi annulli, impiegato quindi il 24, è legato alla tappa in Giordania e mostra il sorridente profilo del Papa e un mosaico raffigurante il battesimo di Gesù nel fiume Giordano. È quindi la volta dell’abbraccio, al Santo Sepolcro, di Francesco con il patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo, che rimanda allo storico abbraccio di cinquant’anni fa tra i due predecessori Paolo VI e Atenagora. In questo caso sull’annullo è incisa la data del 25 maggio. Completa il trittico marcofilo (la marcofilia è il collezionismo dei bolli postali – ndr) la tappa del 26 maggio in Israele che ripropone lo stesso profilo sorridente di Papa Francesco presente sull’annullo del 24 maggio, e, acanto, la chiesa del Getsemani.

L’arrivo del francobollo è rinviato all’anno prossimo quando, come consuetudine, vedrà la luce l’emissione riepilogativa dei viaggi compiuti dal Papa nell’anno precedente. Ci sono buone possibilità che, così come accadde nel 2010 – quando ad essere ricordato fu il pellegrinaggio del 2009 in Terra Santa di papa Benedetto XVI -, l’emissione coinvolga i servizi postali di Israele e Vaticano.

Ben più articolate le produzioni postali della Giordania: tre francobolli e un foglietto. Due dei tre francobolli riportano differenti ritratti del Papa, mentre il terzo mostra, racchiusi in due ovali, il Ponterfice e il re di Giordania, Abdallah (sullo sfondo il luogo del Battesimo di Gesù, a Betania Oltre il Giordano. Il foglietto, nel quale sono riuniti quattro francobolli, costituisce una sintesi visiva dei pellegrinaggi compiuti da quattro papi, a cominciare da quello di Paolo VI nel 1964 (Paolo VI con triregno, re Hussein e il Santo Sepolcro di Gerusalemme); Giovanni Paolo II, nel 2000 (re Abdallah, Giovanni Paolo II al Giordano); Benedetto XVI, nel 2009, al monte Nebo (scultura cruciforme di Giovanni Fantoni, con serpenti di rame intrecciati) e Francesco, nel 2014.

Manca l’abbraccio di Paolo VI con Atenagora la cui riproposizione postale è dietro l’angolo per merito del Vaticano. Figurerà su un biglietto postale – tecnicamente aerogramma  – d’imminente emissione.

Nel solco della consuetudine anche le produzioni postali di Israele. Un minifoglio costituito da un francobollo d’uso corrente ripetuto dodici volte e completato da altrettante immagini di luoghi santi.

Curiosamente l’immagine comune è costituita da una spiaggia israeliana, la stessa usata cinque anni fa per il pellegrinaggio di Benedetto XVI. A variare è, s’intende, il ritratto del Papa (Benedetto XVI nel 2009, Francesco ora, col benvenuto ripetuto in lingua spagnola) e, come si è detto, le vedute. Si tratta del Monte degli Ulivi; del Cenacolo, dove Francesco ha celebrato messa; della basilica delle Nazioni (o dell’Agonia), al Getsemani; della basilica del Santo Sepolcro; della Torre di Davide; del monte del Precipizio; delle rovine della Sinagoga di Cafarnao; della chiesa del Primato di Pietro, a Tabga; della basilica dell’Annunciazione, a Nazaret; del santuario delle Beatitudini, e del lago di Tiberiade. A mutare, rispetto al 2009, è il prezzo di vendita dei singoli dentelli postali: 2 shekel (il multiplo completo è venduto a 39 shekel, un po’ più della somma dei singoli esemplari), a fronte di 1,60 shekel del 2009.

Un secondo piccolo foglio con la stessa immagine base, ma con le dodici appendici occupate da altrettanti scatti scelti fra i tanti della sosta del Papa in Israele, è in fase di stampa. L’emissione è imminente.

Così come cinque anni fa, Israele ha anche ha dotato alcune macchine distributrici di francobolli automatici con la scritta, in più lingue: «Papa Francesco in Terra Santa» e una veduta del Santo Sepolcro. Infine annulli ricordo sono stati adoperati il 25 all’aeroporto Ben Gurion e il 26 maggio a Gerusalemme.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro