Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Benedetto XVI a Cipro nel giugno 2010

01/10/2009  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Benedetto XVI a Cipro nel giugno 2010
Benedetto XVI sarà a Cipro dal 4 al 6 giugno 2010.

Il governo della Repubblica di Cipro rende noto oggi che Papa Benedetto XVI visiterà il Paese nel giugno 2010. Sarà il primo Papa nella storia a mettere piede sulla terza isola del Mediterraneo in ordine di grandezza. Secondo indiscrezioni, durante il viaggio Ratzinger dovrebbe consegnare ai patriarchi e vescovi mediorientali l'Instrumentum Laboris del Sinodo dei vescovi sul Medio Oriente, in programma dal 10 al 24 ottobre 2010. Benedetto XVI soggiornerà a Nicosia, ma è quasi certa anche una tappa a Pafos, che in epoca romana fu teatro della predicazione di san Paolo.


(g.s.) – Il governo della Repubblica di Cipro rende noto oggi che Benedetto XVI visiterà il Paese nel giugno 2010. Sarà il primo Papa nella storia a mettere piede sulla terza isola del Mediterraneo in ordine di estensione (dopo Sicilia e Sardegna).

Secondo indiscrezioni, durante il viaggio – programmato per il 4, 5 e 6 giugno – Ratzinger dovrebbe consegnare ai patriarchi e vescovi mediorientali l’Instrumentum Laboris dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi dedicata al Medio Oriente, in programma dal 10 al 24 ottobre 2010.

Esultano per la notizia i cattolici locali (di rito maronita e latino), la Chiesa ortodossa di Cipro – a cui aderisce la maggior parte dei ciprioti di lingua greca – e il governo. Ancora non c’è alcun programma ufficiale della visita. Di sicuro Benedetto XVI soggiornerà nella capitale Nicosia ed è praticamente certa anche una tappa a Pafos, capitale dell’isola in epoca romana e teatro della predicazione dell’apostolo Paolo (vedi Atti degli Apostoli, capitolo 13, versetti 4-13).

Con il suo viaggio a Cipro Papa Ratzinger avrà modo di ricambiare le visite che gli resero in Vaticano il presidente della Repubblica di Cipro Demetris Christofias il 27 marzo scorso e l’arcivescovo di Nuova Giustiniana e di tutta Cipro Chrysostomos II – capo della locale Chiesa ortodossa autocefala – il 16 giugno 2007.

Di una possibile visita papale a Cipro, con sosta almeno a Pafos, si era già parlato quando Giovanni Paolo II effettuò il suo pellegrinaggio giubilare in Grecia, Siria e Malta dal 4 al 9 maggio 2001. Lo stesso Pontefice aveva espresso il desiderio di fare tappa sull’isola, ma il progetto fu accantonato per le cattive condizioni di salute di Wojtyla, che non consentivano di inserire un altro impegno in un programma già molto intenso.

La piccola comunità cattolica di Cipro

I maroniti. Costituiscono uno dei riti orientali della Chiesa cattolica. Approdarono a Cipro da Siria, Libano e Terra Santa in quattro successive ondate, tra i secoli VIII e XIII. Testimonianze risalenti al 1192 li dipingono come una comunità molto attiva. Nel XIII secolo erano almeno 50 mila in 60 villaggi. Per varie vicissitudini e il trattamento non sempre benevolo dei governanti di turno, i villaggi maroniti si sono via via ridotti fino agli attuali quattro (Kormakiti, Asomatos, Karpashia e Agía Marina), situati nella zona sotto controllo turco. Nei villaggi rimasero i vecchi (Agía Marina fu abbandonata completamente), mentre i giovani ripararono a sud. Oggi sono circa seimila in tutta l’isola e parlano un loro dialetto. Le loro otto parrocchie formano una diocesi, affidata nell’ottobre 2008 all’arcivescovo mons. Youssef Antoine Soueif (47 anni). La liturgia viene celebrata in lingua araba e aramaica, ma molte parti sono ora tradotte in greco.

I latini. Sono sotto l’autorità pastorale del patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal. Suo vicario per Cipro è il frate minore di origini venete padre Umberto Barato (79 anni). I latini con cittadinanza cipriota sono circa 2.000. Ai quali vanno aggiunti altri 7 mila latini che risiedono permanentemente nell’isola ma non sono ciprioti e almeno 15 mila lavoratori stranieri temporanei (soprattutto filippini).

I frati minori della Custodia di Terra Santa sono a Cipro non da ieri. È probabile che lo stesso san Francesco d’Assisi, in viaggio per la Terra Santa, abbia soggiornato sull’isola per qualche tempo e vi abbia lasciato qualche compagno. Sotto il regno dei Lusignano (1192-1489) e il dominio della Repubblica veneta (1489-1570) i frati e le clarisse fondarono vari monasteri anche perché costretti a lasciare la Terra Santa sotto l’avanzata musulmana. Nel 1571, quando Cipro venne presa dagli ottomani, i turchi permisero di restare solo agli ortodossi e ai maroniti. I frati lasciarono l’isola con gli altri religiosi degli ordini latini e le chiese divennero moschee o passarono agli ortodossi. Nel 1593 i francescani ebbero il permesso di tornare e stabilirsi nelle città di Nicosia, Larnaca e Limassol, dove ancora oggi hanno la responsabilità di tre delle quattro parrocchie latine dell’isola e del Terra Sancta College, tra le più antiche scuole del Paese (fu fondato nel 1646). L’ultima parrocchia creata è quella di Pafos, affidata alla responsabilità di un sacerdote del patriacato latino: padre John Sansour.

Nella vita della comunità latina a Cipro è fondamentale il contributo delle suore, impegnate nelle scuole cattoliche, nella catechesi e nell’assistenza a poveri, immigrati e anziani. Quattro gli istituti presenti con proprie religiose: la congregazione di san Giuseppe dell’Apparizione, la congregazione di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, le Francescane Missionarie del Sacro Cuore e le monache claustrali della Famiglia monastica di Betlemme, dell’Assunzione della Vergine Maria e di San Bruno (con un erigendo monastero nei dintorni di Pafos).

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico