Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Aprile 2008


La basilica della Croce
Elisabetta Mancini

La basilica della Croce

Nel cuore di Roma, a due passi da San Giovanni in Laterano, sorge la basilica di Santa Croce in Gerusalemme, voluta da sant'Elena, madre dell'imperatore Costantino.

Milano, 07/04/2008

«Non bastano le leggi, dobbiamo partire dalla base»

Nel numero di marzo-aprile del bimestrale Terrasanta un dossier di 16 pagine è dedicato alla condizione femminile nei Territori palestinesi. Tra le voci di donna che l'autrice ha raccolto vi è anche quella di Khouloud Daibes Abu Dayyed, ministro dell'Autorità palestinese per il Turismo e gli Affari femminili. Nell'intervista, che vi riproponiamo, l'esponente politico dice tra l'altro: «Dobbiamo assolutamente raggiungere la base, magari con l'istituzione di Comitati di quartiere: se le donne non si rendono conto di avere pari dignità rispetto agli uomini, come possiamo sperare che si impongano come cittadine, in famiglia e sul lavoro?».

Errori e attese deluse
Milano, 04/04/2008

Errori e attese deluse

Si fa ogni giorno più surreale il clima in Medio Oriente. Veniamo da una settimana in cui il vertice di Damasco ha messo per l'ennesima volta in luce i bizantinismi della politica araba, con il Libano che da più di quattro mesi non riesce ad eleggere un presidente. Intanto in Israele c'è un governo che un giorno dà il via alla costruzione di nuove case nei territori e quello dopo toglie cinquanta check-point mobili in Cisgiordania come «segno di buona volontà» verso Abu Mazen. In questa situazione su una cosa concordano praticamente tutti i media del Medio Oriente: Annapolis è fallita ed è ora di voltare pagina. In questo senso due articoli opposti, apparsi negli ultimi giorni, sono molto significativi. Ve li riassumiamo.

Lucio Mengoli

Ebrei e palestinesi. Un’unica famiglia

Il lettore Lucio Mengoli ci propone le sue considerazioni sul rapporto tra ebrei e palestinesi e tra musulmani e cristiani. Chi sono - si chiede - i palestinesi da un punto di vista etnico e storico? La maggioranza di questa popolazione, nonostante l'islam e la cultura araba dominante, è etnicamente di origini ebraiche, convertita con la spada all'islam e alla dominazione araba, come è avvenuto in tutti i territori musulmani. Proprio questa semplice constatazione - dice - basterebbe a fermare questa tremenda guerra. Gli rispondono brevemente il direttore e il francescano padre David M. Jaeger.

Una donna in prima linea
Daniele Civettini

Una donna in prima linea

Il cedro e la croce di Nathalie Duplan e Valerie Raulin è il ritratto di una donna cristiana libanese, Jocelyne Khoueiry, divenuta combattente a vent'anni per difendere la sua terra durante il terribile decennio 1975-1986. Anni in cui il Libano conobbe le invasioni di palestinesi, siriani e israeliani in uno strano e drammatico conflitto interno, combattuto casa per casa da uomini e donne che alternavano, giorno dopo giorno, una normale vita da studenti, professionisti e lavoratori alla pratica della guerriglia.

Preoccupazione per le risorse idriche in Medio Oriente
Milano, 03/04/2008

Preoccupazione per le risorse idriche in Medio Oriente

Come il petrolio, anche l'acqua è stata causa di molti conflitti in Medio Oriente negli ultimi 60 anni. E stando a notizie recenti continua a preoccupare. Il mese scorso l'autorità israeliana per le acque si accingeva a imporre restrizioni ai consumi idrici per usi domestici in un momento in cui il Paese è alle prese con una delle più serie penurie d'acqua degli ultimi anni. Una serie di inverni secchi sta creando una seria crisi.  Le precipitazioni meteorologiche in Israele quest'anno hanno raggiunto appena il 50-60 della media consueta, e il livello delle dighe israeliane è il più basso dell'ultimo decennio, secondo le statistiche ufficiali. In tutta l'area mediorientale il prezioso bene dell'acqua è fonte di tensioni che potrebbero anche peggiorare in futuro.

Milano, 02/04/2008

La Lega Araba fa flop a Damasco

Un vertice dimezzato dalle molteplici assenze e che non ha prodotto, anche per questo motivo, sostanziali novità. È la lettura più immediata del summit della Lega araba tenutosi nella capitale siriana, Damasco, il 30 marzo. Un appuntamento disertato dalla metà dei 22 Paesi che compongono l'organizzazione, in particolare da coloro che accusano proprio il governo siriano di impedire una soluzione alla crisi politica libanese. Le divisioni esistenti tra i Paesi arabi e la consapevolezza di non poterle sanare in tempi brevi è stato non a caso il tema dominante dell'appuntamento multilaterale.

Annapolis. Se questi sono i frutti…
Gerusalemme, 01/04/2008

Annapolis. Se questi sono i frutti…

Sono trascorsi oltre quattro mesi dalla conferenza di Annapolis sul Medio Oriente (27 novembre 2007). Siamo un quadrimestre più vicini alla scadenza - la fine del 2008 - indicata dal presidente statunitense George W. Bush per giungere a un accordo di pace tra israeliani e palestinesi, ma sul terreno non si notano miglioramenti. Anzi per certi versi la situazione peggiora. Lo denunciano due rapporti pubblicati in questi giorni. Li firmano l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento delle questioni umanitarie e il movimento pacifista israeliano Peace Now.

Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale