Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Nuove speranze per i due vescovi ortodossi di Aleppo e padre Dall’Oglio

Terrasanta.net
11 ottobre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Sarebbe in via di definizione un accordo per la liberazione dei due vescovi ortodossi di Aleppo rapiti lo scorso 22 aprile. Lo ha annunciato la dirigenza della Lega siriaca in Libano al quotidiano The Daily Star. Una notizia arriva anche sul fronte del rapimento di padre Paolo Dall’Oglio, che alcuni testimoni avrebbero visto vivo il 5 ottobre scorso nel nord della Siria.


(Milano/c.g.) – Sarebbe in via di definizione un accordo per liberare al più presto i due vescovi ortodossi di Aleppo rapiti in Siria lo scorso 22 aprile. Lo ha annunciato la dirigenza della Lega siriaca in Libano (organizzazione che si occupa dei cristiani siriaci e si interessa da tempo del caso del rapimento dei due vescovi – ndr) al quotidiano libanese The Daily Star. «Ci sono segnali positivi di un imminente rilascio dei due vescovi – ha dichiarato Habib Afram, segretario della Lega siriaca -. Siamo stati informati dal generale Abbas Ibrahim, responsabile dei servizi di sicurezza libanesi, che insieme all’accordo per liberare gli ostaggi di Azaz (nove cittadini libanesi presi in ostaggio nel distretto di Azaz, presso Aleppo, nel maggio del 2012 – ndr ), ci sarebbe anche un accordo per liberare i due vescovi».

Il vescovo greco ortodosso di Aleppo, Boulos al-Yazigi e il siriaco ortodosso Youhanna Ibrahim vennero rapiti lo scorso 22 aprile mentre, mentre in automobile transitavano sulla strada tra la città e il confine turco, entrambi impegnati, a quanto sembra, nelle trattative per liberare due sacerdoti a loro volta sequestrati in precedenza.

Afram ha rivelato che le autorità turche, al lavoro per risolvere il caso degli ostaggi di Azaz, hanno informato i servizi di sicurezza libanesi dell’accordo per la liberazione dei due ecclesiastici. «Hanno detto che potrebbero essere rilasciati prima della festività islamica di Eid al-Adha (che cade il prossimo 15 ottobre – ndr) e ci hanno rassicurati sulle loro buone condizioni di salute».

Una notizia arriva anche sul fronte del rapimento di padre Paolo Dall’Oglio. Secondo il quotidiano libanese online Yalibnan, Khalaf Ali Khalaf, reporter e attivista siriano ha dichiarato all’agenzia Adnkronos che alcuni testimoni da lui sentiti (di cui non ha però rivelato l’identità) avrebbero visto sabato 5 ottobre padre Paolo vivo e in buone condizioni, in una regione controllata dall’Esercito islamico dell’Iraq e del Levante (Isis), la formazione islamica più fondamentalista in campo oggi in Siria. Padre Paolo è stato rapito nella città di Raqqa, nel Nord della Siria, tra il 28 e il 29 giugno scorso.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo
Gesù per le strade
Magdeleine di Gesù

Gesù per le strade