Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Cinema


La baracca dell’incontro
Terrasanta.net

La baracca dell’incontro

Viene presentato in questi giorni a Tel Aviv il documentario The Field. Racconta una delle ancor rare e ardue esperienze di dialogo tra israeliani e palestinesi nei Territori occupati.

«Zaatari secondo noi»
Terrasanta.net

«Zaatari secondo noi»

Due giovani documentaristi americani all'inizio del 2014 hanno trascorso un mese tra i profughi siriani raccolti nel campo di Zaatari in Giordania. L'esperienza è raccontata in un film disponibile online.

Il prezzo del Ritorno
Luca Balduzzi

Il prezzo del Ritorno

Amos Elon abbandonò in maniera definitiva Israele nel 2004 e fece promettere che la sua famiglia non vi avrebbe mai fatto ritorno. Ma dopo la sua morte, la figlia regista Danae decise di infrangere la promessa...

A due film israeliani il premio del pubblico della Berlinale 2016
Luca Balduzzi

A due film israeliani il premio del pubblico della Berlinale 2016

Il cinema israeliano si congeda dalla 66.ma edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, che si è appena conclusa, con due prestigiosi riconoscimenti, ottenuti entrambi nella sezione Panorama.

Amos Gitai e le ultime ore di Rabin, a vent’anni dall’assassinio
Luca Balduzzi

Amos Gitai e le ultime ore di Rabin, a vent’anni dall’assassinio

In novembre ricorrono i vent'anni dall'assassinio del primo ministro israeliano Yitzhak Rabin. Molto resta da dire su quell'omicidio e ne è ben consapevole il regista Amos Gitai, autore di Rabin, The Last Day. Il film è stato presentato in concorso alla 72esima edizione della Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia.

Il principe verde, da <i>Hamas</i> a Israele
Carlo Giorgi

Il principe verde, da Hamas a Israele

Cos’è Hamas, come funziona il suo braccio militare, che filosofia adotta e che finalità persegue? Per trovare alcune risposte è utile la visione del documentario The Green Prince (Il principe verde), del regista israeliano Nadav Shirman, che in aprile uscirà nelle sale cinematografiche italiane. Il documentario racconta la vicenda di Mosab Hassan Yousef, palestinese, e del suo amico israeliano, Gonen Ben Itzhak, un agente dei servizi segreti israeliani che lo induce a collaborare.

<i>Io sto con la sposa</i>, diritti senza frontiere
Luca Balduzzi

Io sto con la sposa, diritti senza frontiere

Viene prima il rispetto dei diritti umani, o quello delle regole? A questa domanda risponde senza alcuna esitazione il documentario Io sto con la sposa, di Antonio Auguagliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry. Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, racconta la storia (vera) di un corteo nuziale (finto), inscenato per consentire a cinque profughi di provare a realizzare il loro sogno di raggiungere la Svezia dall'Italia.

Il genocidio armeno come emblema del male nell’ultimo film di Fatih Akin
Luca Balduzzi

Il genocidio armeno come emblema del male nell’ultimo film di Fatih Akin

A cinque anni di distanza dalla grande ironia di Soul Kitchen, Fatih Akin cambia completamente registro, e fa ritorno alla Mostra del Cinema di Venezia con The Cut, il capitolo conclusivo della sua trilogia «sull’amore, la morte e il diavolo». Il regista di origini turche vuole riflettere sul male che si annida nell’animo di ogni uomo e lo fa narrando un capitolo decisamente controverso della storia della Turchia: il genocidio degli armeni nel 1915. L'opera non convince la critica.

Nel film <i>Bethlehem</i> la zona grigia tra israeliani e palestinesi
Luca Balduzzi

Nel film Bethlehem la zona grigia tra israeliani e palestinesi

Il giovane regista israeliano Yuval Adler mette insieme israeliani e palestinesi per raccontare la storia di un adolescente arabo di Betlemme e di un agente dei servizi segreti israeliani, legati da sentimenti di reale solidarietà ed amicizia, travolti ben presto dalla dura realtà che li circonda.

Cinque telecamere per Bi’lin
Carlo Giorgi

Cinque telecamere per Bi’lin

Il documentario palestinese 5 Broken Cameras, candidato agli Oscar 2013, è un'opera nata quasi per caso, come ammette Emat Burnat, voce narrante del film e autore della quasi totalità delle immagini. Emat è un palestinese della cittadina di Bi'lin, nei Territori occupati, e racconta i cinque anni della protesta dei suoi concittadini a difesa della propria terra.

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita
«Voi chi dite che io sia?»
Francesco Patton

«Voi chi dite che io sia?»

In cammino con Pietro sulle orme di Gesù