Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Ebrei etiopi, nuovi arrivi in Israele

Terrasanta.net
6 giugno 2022
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Ebrei etiopi, nuovi arrivi in Israele
L'arrivo di un gruppetto di Falasha Mura all'aeroporto Ben Gurion, di Tel Aviv, il primo giugno 2022. (foto Tomer Neuberg/Flash90)

Si è riaperto in questo giugno 2022 il flusso verso Israele di ebrei nati in Etiopia. Alla fine del 2021 il governo israeliano aveva autorizzato l’arrivo di tremila persone e ora la decisione comincia a produrre i suoi effetti con una serie di trasferimenti aerei nella cornice di quella che è stata denominata Operazione Roccia di Israele.

Un volo atterrato il primo giugno scorso a Tel Aviv ha condotto nello Stato ebraico 180 nuovi cittadini. Era dal marzo 2021 che un aereo con un simile carico non decollava da Addis Abeba alla volta del principale scalo israeliano. Visibilmente soddisfatta la ministra per l’Alyah e l’Integrazione, Pnina Tamano-Shata, lei stessa d’origini etiopi nonché prima donna del suo gruppo sociale ad aver ottenuto (nel 2013) un seggio di parlamentare alla Knesset.

All’immigrazione di ebrei etiopi i cui avi, secoli fa, abbracciarono il cristianesimo (i falasha mura) si erano opposte, per le vie legali, alcune organizzazioni israeliane che contestavano l’ebraicità dei nuovi aspiranti dal Corno d’Africa. Nel marzo scorso la Corte suprema ha respinto i ricorsi, riaprendo la strada ai nuovi arrivi. (c.l.)

Per una Teologia dell’ospitalità
Claudio Monge

Per una Teologia dell’ospitalità

Viaggio nelle tre religioni abramitiche alle radici di una spiritualità dell’accoglienza
La storia di Ho Huan
Roberto Piumini

La storia di Ho Huan

Oskar Schindler
Francesca Cosi, Alessandra Repossi

Oskar Schindler

Vita del nazista che salvò gli ebrei
Verso la verità della Chiesa
Ernesto Borghi

Verso la verità della Chiesa

Leggere gli Atti degli Apostoli oggi