Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Chiesa e governo fianco a fianco per il rilancio del turismo in Giordania

Terrasanta.net
11 gennaio 2022
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Chiesa e governo fianco a fianco per il rilancio del turismo in Giordania
Il ministro giordano del Turismo con mons. Jamal Khader e alcuni funzionari ministeriali il 4 gennaio 2022 (foto Ministero del Turismo e delle Antichità - Giordania)

Dopo la batosta del Covid, la Giordania pianifica il rilancio del turismo con un piano da qui al 2025. La comunità cattolica di rito latino coinvolta nella promozione delle mete di interesse cristiano.


(c.l.) – Dopo due anni di pandemia di Covid-19, Nayef Hamidi Al-Fayez, il ministro giordano del Turismo e delle Antichità, ha annunciato un piano nazionale per il turismo della Giordania per gli anni 2021-2025. Si concentra su cinque assi: i prodotti turistici, le risorse umane, il marketing, la gestione e la protezione dei siti.

In una conversazione di fine dicembre con l’agenzia di stampa giordana Petra News, il ministro ha confidato di sperare in un aumento costante del numero di turisti da qui al 2025, così da superare il livello del 2019. Quell’anno il regno hashemita aveva accolto 5 milioni e 300mila turisti (ben più di quelli giunti in Israele – ndr), incassando 4,1 miliardi di dinari giordani (pari a 5,1 miliardi di euro).

A riprova dell’importanza attribuita dal ministero al turismo religioso, e in particolare al turismo cristiano, il ministro Al-Fayez ha voluto incontrare padre Jamal Khader, vicario per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme, accompagnato dal segretario generale del vicariato ad Amman, padre Imad Alamat.

L’attenzione alle mete cristiane

Presenti all’incontro, che si è volto il 4 gennaio, anche alti funzionari del ministero e il direttore generale del sito del Battesimo di Gesù. Secondo un comunicato del ministero, «si è sottolineata l’importanza della cooperazione congiunta nella promozione dei siti turistici cristiani in Giordania».

A nome della comunità cattolica di rito latino, padre Jamal Khader ha espresso «la disponibilità a collaborare e unire le forze con il ministero per rendere vincente la strategia turistica nazionale, soprattutto sui versanti della promozione e dello sviluppo dei siti religiosi cari ai cristiani». Ne citiamo solo alcuni: il sito del battesimo di Gesù (intorno al quale sorgono ormai numerose chiese), il santuario del monte Nebo, custodito dai francescani, da dove Mosè osservò la Terra di Canaan; Tell Mar Elias (a nord-ovest della città di Ajloun) da dove si dice provenga il profeta Elia; la grotta cattolica- santuario di Nostra Signora della Montagna ad Anjara; le vestigia della fortezza di Macheronte (affacciata sulla sponda orientale del Mar Morto) dove fu imprigionato e giustiziato san Giovanni Battista.

Il vicario patriarcale ha anche indicato che saranno effettuati interventi per la gestione e sviluppo del sito di Macheronte, al fine di renderlo sempre più attrattivo.

Rinnovare e rilanciare, uno sforzo costante

Anche Nayef Hamidi Al-Fayez ha assicurato che «il ministero sta compiendo sforzi incessanti per rinnovare, sviluppare e pubblicizzare i siti di pellegrinaggio cristiani, come le altre mete di tipo religioso, per fornire i servizi fondamentali ai visitatori, in modo che questi luoghi diventino attrattivi per i turisti provenienti da ogni parte il mondo».

Tra le più recenti iniziative in tal senso, il 27 settembre 2021 il ministero del Turismo giordano ha avviato alla presenza dei capi e dei rappresentanti delle Chiese cristiane in Giordania, la prima fase del progetto di una «via di pellegrinaggio cristiano» tra il Monte Nebo e Madaba, la capitale giordana dei mosaici.

Il progetto, che conoscerà varie fasi di sviluppo, prevede l’ideazione di un percorso di una trentina di chilometri (il triplo della distanza su strada tra le due località – ndr), la ricerca di opportunità di investimento e la predisposizione di un piano di promozione e marketing per la regione di Madaba, al centro del Paese. Il lancio del progetto coincide con la designazione di Madaba a Capitale del turismo arabo per il 2022.


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Gli amici di Lolek
Gian Franco Svidercoschi

Gli amici di Lolek

Guida letteraria del gusto

Guida letteraria del gusto

Pagine enogastronomiche dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali