Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Natale a Betlemme, la basilica aperta più a lungo

Terrasanta.net
14 novembre 2019
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Natale a Betlemme, la basilica aperta più a lungo
In questa foto d'archivio una veduta della piazza della Mangiatoia, a Betlemme, in periodo natalizio. Sullo sfondo la baislica della Natività. (foto Miriam Alster/Flash90)

Per agevolare l'afflusso di fedeli e pellegrini durante la stagione intorno a Natale, la basilica resterà aperta 15 ore al giorno anziché 12.


(c.l.) – Durante il periodo dell’Avvento e del Natale, a Betlemme la basilica della Natività prolungherà di tre ore l’orario d’apertura, restando accessibile dalle 5 del mattino alle 8 di sera (e non alle 5 del pomeriggio come generalmente avviene). Lo ha reso noto l’11 novembre scorso il Comitato presidenziale per gli affari ecclesiastici in Palestina. Fedeli e visitatori avranno dunque a disposizione tre ore in più durante la stagione di massimo afflusso di pellegrini.

La decisione è frutto di un accordo raggiunto dalle tre comunità religiose che amministrano la basilica (i greco-ortodossi, i francescani per la Chiesa cattolica e gli armeno-apostolici). Il governatore di Betlemme – siamo nei Territori palestinesi – si coordinerà con i servizi di sicurezza per mettere a punto tutte le misure che competono alle autorità pubbliche.

La decisione si inserisce nel quadro delle iniziative promosse dal presidente del Comitato presidenziale, Ramzi Khoury, per promuovere Betlemme nel periodo natalizio, ma risponde anche alle esigenze dell’alto numero di pellegrini, del posto o stranieri, che in questo periodo convergono verso questa città della Cisgiordania.

Con l’adozione di questa misura si spera di decongestionare l’afflusso alla grotta della Natività. Spesso, in questa stagione dell’anno, i gruppi di pellegrini sono costretti a sopportare anche due ore di coda, per accedervi, osserva il sito internet del Patriarcato latino di Gerusalemme nel darne notizia.

Anche nei Territori palestinesi il settore turistico beneficia dell’incremento costante nell’afflusso di pellegrini in Terra Santa (che transitano per lo più dall’aeroporto internazionale Ben Gurion, non lontano da Tel Aviv). Nel primo semestre del 2019 già 2 milioni e 265 mila turisti sono stati registrati in arrivo dalle autorità israeliane. Parliamo di un 10 per cento di arrivi in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Anno record, con oltre 4 milioni di turisti e visitatori.

Nel primo semestre del 2019 è aumentato anche il numero di visitatori in Cisgiordania: oltre 1 milione e 700 mila persone. Il governatorato di Betlemme è l’area più gettonata: richiama il 38 per cento dei turisti.

Dal punto di vista religioso, il tempo liturgico dell’Avvento a Betlemme si aprirà con l’ingresso solenne del Custode di Terra Santa nella basilica della Natività nel pomeriggio di sabato 30 novembre. Calato il buio, intorno alle 18.00, è prevista l’accensione dell’albero di Natale organizzata dalla municipalità in piazza della Mangiatoia.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe