Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

L’Unesco approva: la basilica di Betlemme un bene dell’intera Umanità

Terrasanta.net
29 giugno 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
L’Unesco approva: la basilica di Betlemme un bene dell’intera Umanità
Un momento dei lavori del Comitato per il Patrimonio mondiale dell'Umanità in corso a San Pietroburgo.

Questo pomeriggio a San Pietroburgo l'apposito comitato dell'Unesco ha incluso la basilica della Natività di Betlemme nella lista dei siti considerati Patrimonio mondiale dell'Umanità. Tra i 21 Stati membri chiamati ad esprimersi, in 13 hanno votato a favore. Un successo della diplomazia palestinese.


(Milano/g.s.) – Questo pomeriggio a San Pietroburgo, in Russia, nel corso della 36.ma sessione del Comitato per il Patrimonio mondiale dell’Umanità, la basilica della Natività di Betlemme è stata inclusa nella lista dei siti sottoposti a particolare protezione da parte dell’Unesco, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’istruzione, la scienza e la cultura.

Hanno votato a favore 13 dei 21 Stati membri del Comitato chiamato ad esprimersi (Algeria, Cambogia, Colombia, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Etiopia, Francia, Germania, Giappone, India, Iraq, Malaysia, Mali, Messico, Qatar, Russia, Senegal, Serbia, Sud Africa, Svizzera, Thailandia). Sei i voti contrari, due gli astenuti.

La basilica della Natività e l’itinerario che i pellegrini giunti a Betlemme compiono per raggiungere il suo sagrato sono così il primo sito palestinese ad ottenere la speciale protezione dell’Unesco.

La «Convenzione riguardante la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale» è un patto internazionale adottato dalla Conferenza generale dell’Unesco nel 1972 (quest’anno compie dunque quarant’anni). Si fonda sul principio che alcuni luoghi sulla Terra spiccano per il loro valore universale e dovrebbero quindi essere considerati parte del patrimonio comune del genere umano.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
I più letti
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura

L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo