Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Servono altri fondi per i restauri della Natività a Betlemme

Terrasanta.net
17 giugno 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Servono altri fondi per i restauri della Natività a Betlemme
Doppia fila di colonne nella basilica della Natività, a Betlemme. (foto M.A.B. / CTS)

L'Autorità Palestinese cerca finanziatori internazionali per il restauro delle 50 colonne della basilica della Natività. Per ultimare tutti i lavori serviranno altri due anni.


 

(t.d.) – «Adottate una colonna!». È l’appello di Ziad Al-Bandak, consigliere per le questioni cristiane del presidente palestinese e capo della commissione che vigila sui restauri in corso alla basilica della Natività a Betlemme (vai al sito Internet dedicato). Servono nuovi fondi per completare il restauro dell’antichissima chiesa che sorge sul luogo della nascita di Gesù. Parliamo di 2 milioni e mezzo di euro per il restauro delle cinquanta massicce colonne all’interno della basilica, vale a dire 50 mila euro per colonna.

I lavori di restauro della basilica sono iniziati dal tetto nel settembre 2013, con l’avallo delle tre Chiese responsabili dell’edificio sacro: i greco-ortodossi, i latini (rappresentati dai francescani della Custodia di Terra Santa) e gli armeni. Oltre al tetto fin qui è stato possibile restaurare anche le vetrate, il nartece, due porte, muri ed intonaci e, ultimamente, anche i mosaici.

Dopo le architravi e i capitelli ora si apre un nuovo cantiere. Le file di colonne che sorreggono e affiancano la navata centrale dovrebbero ritrovare il loro antico aspetto. Trentadue delle 50 colonne d’epoca giustinianea sono decorate con pitture crociate del Dodicesimo secolo, oggi ricoperte da secoli di incrostazioni. Da sotto la patina, ritratti di santi d’Oriente ed Occidente accompagnano i passi del pellegrino fino al presbiterio.

I lavori di restauro sono affidati a venti specialisti dell’impresa italiana Piacenti, che collabora con numerose aziende locali. Si tratta di un intervento estremamente minuzioso e costoso. Per contribuire a finanziarlo, Stati, imprese o privati possono ora «adottare una colonna».

Fino ad oggi sono stati raccolti 9 milioni di euro, stanziati da numerosi governi e soggetti internazionali (tra gli altri Italia, Francia, Ungheria, Santa Sede, Russia, Spagna, Grecia, Polonia, la stessa Autorità Nazionale Palestinese) ma anche da privati cittadini. Per condurre a termine i lavori serviranno altri due anni e sette milioni di euro.

I restauri hanno permesso di ritrovare nuove tracce dell’epoca di Costantino, che nel Quarto secolo fece edificare una prima basilica, in seguito distrutta. Si tratta di materiali di legno riutilizzati e decorati, rivenuti giorni fa all’interno delle architravi di Giustiniano. Una scoperta che resta da verificare tramite il metodo di datazione del carbonio 14.

Dal 2012 la basilica della Natività è riconosciuta dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’Umanità.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe