Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Porte aperte ai pellegrini

10/12/2007  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

I controlli di sicurezza israeliani ai varchi del muro che dal 2004 va cingendo Betlemme rallentano anche gli spostamenti delle comitive di pellegrini. Succede così che qualche gruppo raggiunga i principali santuari di Betlemme e dintorni solo durante la pausa pranzo quando, fino ad oggi, i francescani chiudevano per qualche ora i battenti delle chiese a loro affidate. Ora, per tentare una risposta a oggettive difficoltà, i frati hanno deciso di tenere aperti i santuari con orario continuato: dalle 8 alle 17 in periodo invernale e fino alle 18 nella stagione estiva.



Gli ultimi mesi hanno fatto registrare un incremento dei pellegrinaggi in Terra Santa da varie parti del mondo. Il che comporta anche qualche disagio in più per le comitive dirette a Betlemme. I controlli di sicurezza imposti dagli israeliani ai varchi dell’alto muro che dal 2004 va cingendo la città rallentano gli spostamenti. Succede così che qualche gruppo raggiunga i principali santuari di Betlemme e dintorni solo durante la pausa pranzo. Per consuetudine, fino ad oggi, i francescani continuavano a rispettare la chiusura meridiana delle chiese a loro affidate così i pellegrini si trovavano davanti a porte sbarrate. Oggi, per tentare una risposta a oggettive difficoltà, i frati hanno deciso di tenere aperti i santuari con orario continuato: dalle 8 alle 17 in periodo invernale e fino alle 18 nella stagione estiva.

La decisione giunge nell’anno in cui si ricordano i 660 anni di presenza francescana presso la Grotta della Natività (iniziata stabilmente nel 1347).

Il nuovo orario d’apertura riguarda la chiesa di Santa Caterina, attigua alla basilica della Natività, la grotta di San Gerolamo e la non lontana Grotta del Latte oltre che il santuario del Campo dei pastori, situato a Beit Sahur.

Altro luogo speciale per la preghiera dei pellegrini, a Gerusalemme, è la basilica dell’Agonia, sul Monte degli Ulivi. Molti chiedono di poter accogliere l’invito del Signore Gesù agli apostoli nella notte del tradimento – «Restate qui e pregate con me» – celebrando nella basilica una particolare Ora Santa. Dal primo gennaio prossimo entrerà in vigore un nuovo orario per questa forma di preghiera. In basilica la si potrà celebrare nelle seguenti tre fasce: 17.30-18.30; 19.30-20.30 e 20.30-21.30. Nei mesi da maggio a tutto ottobre sarà possibile celebrare l’Ora Santa anche nella Grotta degli apostoli, attigua alla basilica, in questi orari: 17.30-18.30 e 19.30-20.30.

In ogni caso, dal primo gennaio 2008 è necessario prenotare in anticipo, come già si fa per la celebrazione delle Messe, rivolgendosi al Christian Information Center, i cui recapiti sono: Jaffa Gate – P.O.B. 14308, Jerusalem 91142 – tel. 00972 2 627 26 97 / fax 00972 2 628 64 17 – e-mail: fpo@cicts.org

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme