Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La lezione dei nabatei

12/07/2007  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Tra le nuove sette meraviglie del mondo, proclamate a Lisbona al termine di un sondaggio molto discusso, alla fine è entrata anche Petra, la città dei nabatei nell'attuale Giordania. Ma perché duemila anni fa le civiltà che popolavano il Medio Oriente erano in grado di costruire meraviglie e oggi invece non più? E che cosa potrebbe insegnare la loro esperienza all'attuale mondo arabo? Sono le domande che Rami Khouri si pone nella sua rubrica sul quotidiano libanese The Daily Star.


Tra le nuove sette meraviglie del mondo, proclamate a Lisbona al termine di un sondaggio molto discusso, alla fine è entrata anche Petra, la città dei nabatei nell’attuale Giordania.

Ma perché duemila anni fa le civiltà che popolavano il Medio Oriente erano in grado di costruire meraviglie e oggi invece non più? E che cosa potrebbe insegnare la loro esperienza all’attuale mondo arabo? Sono le domande che Rami Khouri si pone nella sua rubrica sul quotidiano libanese The Daily Star. E lo fa con cognizione di causa, essendo un profondo conoscitore della storia dei nabatei.

Elenca così sei caratteristiche di quella civiltà antica che, a suo giudizio, gli arabi di oggi dovrebbero studiare bene. Primo: i nabatei sapevano utilizzare bene la diplomazia per evitare i conflitti, raggiungendo accordi con le super potenze dell’epoca (greci e romani). Secondo: sapevano coltivare l’equilibrio tra sacro e profano, riconoscendo il potere dei propri dei ma anche assicurandosi di godere davvero la vita. Terzo: erano maestri nella salvaguardia dell’ambiente e (in particolare) delle risorse idriche. Quarto: creavano ricchezza e sicurezza attraverso un’economia giocata su diversi registri e non invece dipendente da un’unica risorsa. Cinque: governavano bene, con un’amministrazione della giustizia efficiente e una monarchia illuminata. Sesto: interagivano largamente e profondamente con le culture circostanti, assorbendo tecnologie straniere, arti, ma anche valori.

«Petra e i nabatei – è la conclusione di Khouri – ricordano al mondo arabo che il valore del cosmopolitanismo, l’equilibrio tra sacro e profano, la ricerca della pace, il buon governo e la tutela dell’ambiente hanno generato in maniera grandiosa ricchezza, rispetto e stabilità molti secoli fa. Non c’è ragione perché una ricetta del genere non possa funzionare ancora oggi».

Clicca qui per leggere l’articolo di The Daily Star

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"