Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Graffiti nel Neghev, tracce millenarie di pellegrinaggi

Terrasanta.net
3 giugno 2024
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Graffiti nel Neghev, tracce millenarie di pellegrinaggi
Disegni di barche scoperti durante gli scavi a Rahat, nel deserto del Neghev. (foto Yoli Schwartz/Aia)

Durante una ricognizione preventiva a Rahat, nel deserto del Neghev, gli archeologi hanno scoperto una chiesa bizantina sulle cui pareti sono presenti graffiti di barche, lasciati dai pellegrini cristiani 15 secoli fa.


Il sottosuolo della Terra Santa è ancora pieno di segreti. Scavate e troverete sicuramente. Dopo la scoperta nel 2022 di due moschee risalenti a dodici secoli fa, gli archeologi incaricati degli scavi preventivi a Rahat, nel nord del deserto del Neghev, hanno portato alla luce una piccola chiesa di epoca bizantina del IV-VI secolo d.C.

Sono stati trovati sulle pietre dei suoi muri alcuni graffiti. In particolare, due disegni di barche, realizzati quasi 1.500 anni fa. La prima sembra essere una veduta aerea di un’imbarcazione di cui si distinguono chiaramente i remi. La seconda rappresenta una nave a due alberi che sfoggia una vela conosciuta come «artemon».

I resti della chiesa bizantina scoperti a Rahat. (foto Assaf Peretz/Aia)

«La nave è un antico simbolo cristiano, ma qui sembra essere una rappresentazione di navi sulle quali i pellegrini viaggiavano verso la Terra Santa», spiegano in un comunicato i direttori degli scavi Oren Shmueli, Elena Kogan-Zehavi e Noe David Michael, a nome dell’Autorità israeliana per le antichità (Aia), e la professoressa Deborah Cvikel dell’Università di Haifa. «La precisione del dettaglio indica la familiarità dell’artista con la vita marittima», prosegue il comunicato.

Una prima tappa

I ricercatori ritengono che questi pellegrini sarebbero sbarcati a Gaza, situata a una cinquantina di chilometri da Rahat. «Il sito è infatti adiacente ad un’antica strada romana che conduceva dal porto di Gaza a Beer Sheva, la principale città del Neghev», dicono gli archeologi. Poiché la chiesa dista solo un giorno di cammino dal porto, è probabile che fosse la loro prima tappa nel percorso verso gli altri luoghi sacri della cristianità: Gerusalemme, Betlemme, i monasteri del Neghev e del Sinai».

Graffiti di una nave a due alberi che sfoggia una vela conosciuta come «artemon». (foto Yoli Schwartz/Aia)

Questi graffiti di navi non sono i primi a essere stati lasciati nelle chiese della Terra Santa. La più nota è quella della cappella di San Vartan nella basilica del Santo Sepolcro, scoperta nel 1971: un veliero romano accompagnato da un’iscrizione in latino «Domine ivimus», traducibile con «Signore, siamo venuti». Gli specialisti ritengono che si tratti del graffito più antico lasciato dai cristiani che venivano a Gerusalemme per avvicinarsi il più possibile alla tomba di Gesù, allora seppellita sotto il tempio di Adriano.

→ Leggi anche il Dossier di Terrasanta: Quando le pietre parlano

Considerati come atti di vandalismo, i graffiti sono rimasti a lungo nell’ombra della ricerca accademica. Solo di recente, parallelamente allo sviluppo della street art,  gli storici hanno compreso la ricchezza nascosta dietro queste pratiche scritturali, che assumono un significato molto particolare nei luoghi di pellegrinaggio.

Il Neghev bizantino

A Rahat le iscrizioni testimoniano «la storia dell’insediamento nel Neghev settentrionale alla fine del periodo bizantino e all’inizio del primo periodo islamico», precisa il comunicato stampa dell’Aia. Dopo l’annessione del regno nabateo da parte dell’Impero romano nell’anno 106, la regione conobbe un periodo d’oro, sotto la guida di agricoltori cristiani stabilitisi in centri nabatei che furono trasformati in città, ciascuna dotata di una propria chiesa o più di una: Haluza, Shivta, Avdat, Nitzana, Mamshit, Rehovot-nel-Neghev e Khirbet Sa’adon.

Città antiche del Neghev e principali vie commerciali. (© E.Mazor)

Grazie a ingegnose tecniche di irrigazione, fecero «fiore il deserto» e si specializzarono nella produzione del vino. Dopo tre secoli di prosperità, queste città furono abbandonate, per ragioni che rimangono ancora oggi misteriose. Guy Bar-Oz, bioarcheologo dell’Università di Haifa, ha condotto negli ultimi anni ricerche innovative sulla storia dell’industria vinicola nel deserto del Neghev.

Studiando i semi d’uva rinvenuti nelle antiche discariche, nel 2020 ha dimostrato come questa industria fosse scomparsa a causa della peste, dei terremoti e della depressione economica, e non, come si pensava in precedenza, a causa della proibizione musulmana di consumare alcol.

Le scoperte fatte a Rahat saranno presentate presso la sala culturale del municipio della città, che è il principale centro beduino in Israele, nel corso di una conferenza aperta al pubblico e che si terrà il 6 giugno 2024.


Ti ringraziamo per aver letto fin qui…

Se vuoi, puoi sostenere concretamente
il servizio che offriamo con Terrasanta.net

Un aiuto, anche piccolo, per noi è prezioso.

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Breve storia di Israele
Vincenzo Lopasso

Breve storia di Israele

Da Abramo alle origini della diaspora
Collectanea 57 (2024)

Collectanea 57 (2024)

Studia-documenta