Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il più antico ex voto cristiano di Gerusalemme

20 maggio 2019
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il più antico ex voto cristiano di Gerusalemme
Incorniciato in primo piano l'ex voto nella cappella di San Vartan. (foto CTS/m.a.b.)

Al di sotto dell’abside della cappella armena di Sant’Elena, nella basilica del Santo Sepolcro, si apre la cosiddetta cappella di San Vartan, poco nota perché non accessibile, se non su richiesta. Qui è stato rinvenuto quello che può essere definito come uno dei più antichi ex-voto: il dipinto di una nave. Il ritrovamento è opera di un gruppo d’archeologi che nel 1978 intrapresero lo scavo nell’area adiacente alla cappella dell’Invenzione della Croce.

Il dipinto rappresenta una nave da carico romana del primo secolo. La scritta latina Domine ivimus (Signore, siamo giunti) è un’allusione al Salmo 122,1, la testimonianza dei pellegrini cristiani  giunti incolumi al Santo Sepolcro dopo un viaggio periglioso.

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"