Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Cristiani in Israele: il Coordinamento Terra Santa solidale

Terrasanta.net
21 gennaio 2019
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Cristiani in Israele: il Coordinamento Terra Santa solidale
I vescovi del Coordinamento Terra Santa in visita a un liceo delle suore di Nazaret a Haifa. (foto Mazur/catholicnews.org.uk)

Nel corso del consueto appuntamento di inizio anno i vescovi del Coordinamento Terra Santa nei giorni scorsi hanno incontrato soprattutto la realtà dei cristiani in Israele. Riflessioni e appelli.


(c.l.) – I cristiani in Israele: sfide e opportunità. Questo era il tema del Coordinamento Terra Santa riunitosi nei giorni scorsi – dall’11 al 17 gennaio – a Gerusalemme e dintorni. Il gruppo, guidato quest’anno da mons. Declan Ronan Lang (vescovo di Clifton, in Gran Bretagna) riunisce delegati di varie conferenze episcopali cattoliche d’Europa, Stati Uniti, Canada e Sudafrica (la Cei era rappresentata dal vescovo di Grosseto, mons. Rodolfo Cetoloni – ndr). Su impulso della Santa Sede, ogni anno, dal 1998, un pellegrinaggio di contatto diretto, ascolto e solidarietà permette al Coordinamento di tastare il polso dei cristiani in Israele e nei Territori palestinesi. Gerusalemme è naturalmente al centro dell’attenzione dei presuli.

Una volta rientrati alle loro sedi i vescovi del Coordinamento possono rappresentare «ai loro governi, ai parlamentari, agli ambasciatori israeliani e palestinesi e ai media [i] vari problemi che riguardano la vita dei cristiani in Terra Santa» – spiega il sito web istituzionale del Patriarcato latino di Gerusalemme – senza chiedere privilegi per i cristiani, ma dignità e giustizia per tutti.

Quest’anno, l’attenzione dei membri del Coordinamento si è concentrata innanzitutto sui cristiani che vivono nello Stato di Israele. Nel comunicato finale emesso il 17 gennaio dopo la loro visita annuale, i vescovi hanno affermato che il principio di uguaglianza su cui Israele è stato fondato «deve diventare urgentemente realtà».

Sottolineando «il contributo vitale» offerto dai cristiani che vivono in Israele, specialmente nei settori dell’educazione e della salute, ma anche nella vita pubblica e interreligiosa, il Coordinamento Terra Santa 2019 sostiene che «i cristiani di Israele desiderano vivere come cittadini a pieno titolo, con diritti riconosciuti in una società pluralistica e democratica».

I vescovi del Coordinamento riferiscono che i cristiani incontrati durante le loro visite si son detti particolarmente preoccupati per la legge fondamentale adottata dalla Knesset il 19 luglio 2018, che stabilisce che Israele è lo Stato-nazione del popolo ebraico, emarginando così gli altri cittadini israeliani di origini diverse. Un attentato, dice la dichiarazione, agli «ideali di uguaglianza, giustizia e democrazia».

I membri del Coordinamento Terra Santa hanno affermato di voler esprimere «sostegno ai cristiani israeliani e a tutti coloro che sfidano la discriminazione» e di appoggiare la loro «richiesta di protezione del pluralismo del paese».

Benché il pellegrinaggio del Coordinamento di Terra Santa quest’anno si sia concentrato su Israele, i vescovi hanno viaggiato anche in territorio palestinese per incontrare le comunità cristiane locali. I presuli hanno affermato che «la miseria dell’occupazione è stata esacerbata dai tagli al finanziamento degli aiuti umanitari da parte del governo degli Stati Uniti». Il riferimento è alla decisione del presidente Donald Trump, un anno fa, di tagliare i viveri all’Unrwa, l’Agenzia delle Nazioni Unite che assiste i profughi palestinesi.

Nel denunciare la minaccia che così incombe sull’assistenza sanitaria, l’istruzione e altri servizi sociali e che «aggrava le continue violazioni» della fondamentale dignità umana dei loro beneficiari, i vescovi affermano che «ciò non può essere ignorato o tollerato». Il gruppo internazionale di presuli fa appello ai rispettivi governi perché aiutino a colmare le lacune nei finanziamenti all’Unrwa. E li esorta «a raddoppiare gli sforzi per una soluzione diplomatica, con due Stati democratici sovrani, Israele e Palestina, che vivono in pace».

Conosci già il nostro bimestrale? Una rivista da leggere e conservare

 

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo
Gesù per le strade
Magdeleine di Gesù

Gesù per le strade