Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Patton: «Un Bambino ci salva»

Terrasanta.net
20 dicembre 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Patton:  «Un Bambino ci salva»
Il Custode di Terra Santa nel suo videomessaggio per il Natale 2017 dalla Grotta della Natività a Betlemme.

Arrivano direttamente dalla Grotta della Natività, a Betlemme, gli auguri del Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, per il Natale 2017. 


I suoi auguri per il Natale 2017, il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, sceglie di inviarli proprio da «quella Grotta e quella mangiatoia in cui il Figlio di Dio ha sorriso e ha pianto col volto reale di un bambino e ci ha manifestato il volto di Dio nel volto di un bambino». Il messaggio natalizio ci raggiunge, oltre che in forma scritta, anche con un video registrato nella basilica della Natività, alla quale in questi giorni vanno idealmente gli sguardi dei cristiani di tutto il mondo.

Patton medita brevemente sulla possibilità di salvezza offertaci dal Bimbo Gesù: «Questo evento straordinario che è il Natale, si dischiude davanti a noi prima di tutto come un dono che ci viene incontro e riceviamo: un dono di salvezza che può cambiare la nostra vita e la nostra storia».

«Da cosa può mai salvarci un bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia?» si è chiesto fra Patton. La sua risposta è che abbiamo bisogno di lui per uscire «dal nostro vivere ripiegati e accartocciati nella preoccupazione per noi stessi, dalla nostra presunzione, dalla prepotenza e dall’orgoglio, dal desiderio di farci valere a tutti i costi, da una impostazione di vita falsata, dal pessimismo, dalla sfiducia, dalla paura della morte».

A conclusione del suo messaggio, il Custode ci invita «ad aprire le braccia per accogliere, con generosa tenerezza il Bambino di Betlemme, ma anche tutti i piccoli nei quali oggi Egli si rende presente».

Clicca qui per la versione integrale del messaggio del Custode di Terra Santa e la versione video.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"