Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Truppe senegalesi in Arabia per arginare il contagio yemenita

Giuseppe Caffulli
11 maggio 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

L’Arabia Saudita si è messa in caccia di alleati nella lotta ormai senza quartiere tra blocco sunnita e blocco sciita (del quale è principale ispiratore l’Iran). E finalmente sembra aver trovato il partner giusto. Secondo la stampa africana, il Senegal si sarebbe detto disponibile a mandare 2.100 militari a sostegno della campagna avviata in Yemen dall’Arabia Saudita.


Problema. Hai appena oltre confine un movimento di ispirazione religiosa potenzialmente pericoloso anche per il tuo Paese. Come fai a difenderti se hai un territorio enorme e ti mancano truppe di terra capaci di controllare i confini?

Il caso riguarda Arabia Saudita e Yemen. Il primo Paese è la roccaforte dell’Islam sunnita wahabita, il secondo (molto, molto più povero) vive una guerra intestina che vede i musulmani sciiti del Nord contro il presidente Hadi e lo schieramento sunnita che lo sosteneva. Per parlare del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi è giocoforza usare il passato. Da oltre due mesi l’Arabia Saudita sta conducendo una campagna di raid aerei contro le postazioni occupate dai ribelli al-houthi (sciiti) e a sostegno del governo. Ma senza grandi risultati, al punto che Hadi, dopo essere stato costretto ad abbandonare la capitale Sanaa, ha anche lasciato il Paese, rifugiandosi a Gibuti.

Di fronte alla gravità della situazione, e con il rischio che le truppe houthi concepiscano la malsana idea di varcare il confine (possibilità remota, ma impossibile da escludere del tutto), l’Arabia Saudita si è messa in caccia di alleati nella lotta ormai senza quartiere tra blocco sunnita e blocco sciita (del quale è principale ispiratore l’Iran).

E finalmente sembra aver trovato il partner giusto. Secondo la stampa africana, il Senegal si sarebbe detto disponibile a mandare 2.100 militari a sostegno della campagna avviata in Yemen dall’Arabia Saudita. Ad affermarlo è il ministro degli Esteri senegalese, Mankeur Ndiaye, in risposta a una richiesta di aiuto arrivata da Riyadh.

Cosa ci andranno a fare i soldati di Dakar nel deserto saudita? Il loro compito sarà appunto quello di garantire la sicurezza dei confini tra Arabia e Yemen, migliaia di chilometri di sabbia e dune. Toccherà a loro fare quel «lavoro sporco» che le truppe di Riyadh non sono in grado o non vogliono fare.

La decisione del governo senegalese ha suscitato nel Paese africano un vero putiferio. Per parare il colpo, il ministro Ndiay si è affrettato a dire che la missione servirà a proteggere le città sante dell’Islam, Medina e Mecca in testa. Ma la scusa appare non del tutto credibile.

Secondo l’opposizione, la vera ragione dell’impegno del Senegal in una guerra lontana e totalmente estranea al Paese, è di ragione tutt’altro che religiosa. È vero che i senegalesi sono per la maggior parte musulmani sunniti, ma è probabile che ad attirare in Arabia Saudita i soldati di Dakar – più che la fede – siano i petrodollari promessi da Riyadh.

Non è ancora chiaro se e quando i soldati senegalesi saranno operativi. Resta anche da capire il quadro giuridico in cui verrà inserita la missione: non risulta che sia stata autorizzata in sede Onu o in alcun ambito internazionale (sempre che ormai queste risoluzioni servano a qualcosa, nel marasma mediorientale).

Ma la paura più grande manifestata dall’opinione pubblica senegalese (e prontamente rilanciata dai quotidiani di Dakar) è legata anche alla possibilità di esporre il Paese, in virtù dell’impegno militare contro gli sciiti yemeniti, a ritorsioni terroristiche. Oltre a scoraggiare investitori stranieri e turisti dal visitare il Paese.

(Su Twitter: @caffulli)

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme