Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Ahmed, e gli altri di Gaza, che la guerra ha fatto a pezzi

Carlo Giorgi
26 marzo 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Ahmed, e gli altri di Gaza, che la guerra ha fatto a pezzi
Ahmed al-Sawaferi in classe con i suoi giovani studenti.

Il maestro elementare Ahmed al-Sawaferi, palestinese disabile di Gaza, offre al mondo in questi giorni la sua lezione più importante. Diversi giornali mediorientali raccontano la sua storia, simbolo della dignità e della resistenza del popolo palestinese. Negli anni le operazioni militari israeliane sulla Striscia hanno provocato molti invalidi permanenti: 1.134 solo l'estate scorsa.


Il maestro elementare Ahmed al-Sawaferi, palestinese di Gaza, sta offrendo al mondo in questi giorni la sua lezione più importante. Diversi giornali mediorientali hanno pubblicato la sua storia presentandolo come un simbolo della dignità e della resistenza del popolo palestinese. Ahmed ha 25 anni, è sposato e ha due figli: Jana di 4 anni e Motasem, di 10 mesi. Insegna nella scuola Safad, delle Nazioni Unite, a Zaytoun e a giugno completerà il suo corso universitario ottenendo il diploma di studi islamici. Nel 2008, durante uno delle operazioni militari che si sono abbattute su Gaza in questi anni, Ahmed vien colpito da un missile israeliano. Ricorda come la sua vita cambiò in una frazione di secondo: aveva 17 anni; un momento prima stava tornando a casa per studiare, come tutti i ragazzi della sua età; e un secondo dopo il razzo gli staccava dal corpo le due gambe e un braccio.

La sua storia, nella Striscia di Gaza, non è un caso isolato: secondo il ministero della salute palestinese sono 1.134 le persone diventate disabili a causa di gravi ferite riportate durante l’ultima operazione militare su Gaza, nell’agosto del 2014; il 10 per cento degli oltre 11 mila feriti palestinesi di quel conflitto. Dei 1.134 nuovi disabili 833 hanno più di 18 anni; i rimanenti 301 sono minorenni.

Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio centrale di statistica palestinese, circa 113 mila persone nei Territori Palestinesi sono portatrici di almeno una disabilità, il 2,7 per cento della popolazione (una percentuale tutto sommato contenuta se si pensa che secondo il Censis, in Italia la quota si attesta al 6,7 per cento). Dei 113 mila disabili palestinesi, 75 mila risiedono in Cisgiordania mentre i rimanenti 38 mila nella Striscia di Gaza. Il 48,4 per cento di questi disabili, come Ahmed, ha problemi di mobilità. Oltre un terzo (37,6 per cento) dei disabili che hanno più di 15 anni non è mai andato a scuola; e un quinto ha dovuto abbandonare gli studi per via delle complicazioni dovute alla loro condizione. E l’87,3 per cento dei disabili ultraquindicenni, non lavora (percentuale che raggiunge il 90,9 per cento nella Striscia di Gaza). Oltre un terzo (34,1 per cento) non si è mai sposato.

Anche in questo senso, la storia di Ahmed – studente, insegnante, marito e padre – è un simbolo di riscatto. «Il mio messaggio a tutti i disabili è di non dimenticare la vita e di non disperarsi. Non c’è nessuna vita con la disperazione e non dovrebbe esserci disperazione nella vita», spiega. Ahmed insegna proprio nella scuola in cui è cresciuto da ragazzo. Come gli altri insegnanti accoglie gli studenti all’inizio delle lezioni, scrive sulla lavagna e interroga; gioca anche a pallone con gli alunni, utilizzando la mano, nell’ora di ricreazione.

«Israele può avermi amputato le gambe, ma non mi amputeranno la determinazione e la volontà di rialzarmi – spiega –. Oggi io sto vivendo una vita piena».

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico