Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Dall'11 al 18 gennaio 2015 a Gerusalemme. Predica padre Maurice Borrmans.

Esercizi spirituali in Terra Santa

11/01/2015  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Questa proposta di esercizi spirituali in Terra Santa è rivolta a sacerdoti, religiosi e laici impegnati.

A guidare il corso, che avrà una connotazione ecumenica e interreligiosa, sarà padre Maurice Borrmans, docente emerito del Pontificio istituto di studi islamici e islamistica (Pisai) e tra i maggiori esperti cattolici di dialogo con l’Islam. Durante la settimana di soggiorno a Gerusalemme sarà anche possibile raccogliere la testimonianza di alcune personalità della Terra Santa, tra i quali il patriarca latino, il padre Custode e vari esperti. Sono anche previste una giornata nel deserto e una sera di adorazione al Getsemani.

L’iniziativa, programmata dall’11 al 18 gennaio 2015, è promossa da don Giampiero Alberti, sacerdote della diocesi di Milano impegnato sul versante del dialogo con l’Islam e membro degli organi direttivi del Centro ambrosiano di dialogo con le religioni (Cadr).

Condizione per la realizzazione del corso è che si raggiungano le 25/30 adesioni (numero massimo: 35 persone).
Si prevede un costo di circa 1.250 euro.

Le iscrizioni devono essere inviate a don Alberti entro il 30 settembre 2014.

Per ulteriori informazioni: don Giampiero Alberti, cell. 335 54.83.061, email: donalberti47@gmail.com

Clicca qui per scaricare il modulo di iscrizione. 

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19