Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Dall'11 al 18 gennaio 2015 a Gerusalemme. Predica padre Maurice Borrmans.

Esercizi spirituali in Terra Santa

11/01/2015  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Questa proposta di esercizi spirituali in Terra Santa è rivolta a sacerdoti, religiosi e laici impegnati.

A guidare il corso, che avrà una connotazione ecumenica e interreligiosa, sarà padre Maurice Borrmans, docente emerito del Pontificio istituto di studi islamici e islamistica (Pisai) e tra i maggiori esperti cattolici di dialogo con l’Islam. Durante la settimana di soggiorno a Gerusalemme sarà anche possibile raccogliere la testimonianza di alcune personalità della Terra Santa, tra i quali il patriarca latino, il padre Custode e vari esperti. Sono anche previste una giornata nel deserto e una sera di adorazione al Getsemani.

L’iniziativa, programmata dall’11 al 18 gennaio 2015, è promossa da don Giampiero Alberti, sacerdote della diocesi di Milano impegnato sul versante del dialogo con l’Islam e membro degli organi direttivi del Centro ambrosiano di dialogo con le religioni (Cadr).

Condizione per la realizzazione del corso è che si raggiungano le 25/30 adesioni (numero massimo: 35 persone).
Si prevede un costo di circa 1.250 euro.

Le iscrizioni devono essere inviate a don Alberti entro il 30 settembre 2014.

Per ulteriori informazioni: don Giampiero Alberti, cell. 335 54.83.061, email: donalberti47@gmail.com

Clicca qui per scaricare il modulo di iscrizione. 

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"