Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il conflitto è religioso e la pace lontana. Parola di Lieberman

18/02/2010  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il conflitto è religioso e la pace lontana. Parola di Lieberman
Il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Liberman.

Per il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman il conflitto israelo-palestinese ha ormai le tinte della guerra di religione e perciò sarà difficile arrivare alla pace in tempi brevi. Inutile illudersi che possano giovare le concessioni territoriali. In estrema sintesi è questo il pensiero che il responsabile della politica estera di Israele ha espresso il 15 febbraio scorso davanti alla Commissione Affari Esteri e Difesa della Knesset (il parlamento) e ribadito successivamente alla stampa.


(g.s.) – Secondo il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman il conflitto israelo-palestinese ha assunto le tinte della guerra di religione e perciò sarà difficile arrivare alla pace in tempi brevi. Inutile illudersi che possano giovare le concessioni territoriali.

In estrema sintesi è questo il pensiero che il responsabile della politica estera di Israele ha espresso il 15 febbraio scorso davanti alla Commissione Affari Esteri e Difesa della Knesset (il parlamento) e ribadito successivamente alla stampa.

Riprendendo i temi del suo intervento davanti ai deputati in un’intervista a Radio Reka, Lieberman ha professato pessimismo sulla possibilità di stabilire «un avamposto di stabilità nel mezzo di tsunami senza fine, tumulti e terremoti» come quelli che investono oggi tutto lo scacchiere mediorientale in senso amio. E qui il ministro cita Yemen, Iraq, Afghanistan, Pakistan e Somalia.

L’uomo di governo, che è anche il capo del partito Yisrael Beiteinu, torna a riproporre un tema caro al suo schieramento: uno scambio di territori ma anche di popolazione tra Israele e il futuro Stato palestinese.

Ma Lieberman non rinuncia al tema classico: l’assenza di un interlocutore credibile con cui trattare. Abu Mazen, dice, non è in grado di parlare a nome di tutto il suo popolo, perché Hamas non lo segue. Il primo ministro Salam Fayyad addirittura usa i fondi dell’Autorità Palestinese per mettere in cattiva luce Israele sul piano internazionale con molte iniziative: le campagne internazionali di boicottaggio dei prodotti provenienti dagli insediamenti israeliani in Cisgiordania e di ogni collaborazione con istituzioni culturali israeliane; i ricorsi e le denunce presentate davanti a organismi internazionali; le cause intentate contro politici e alti gradi delle forze armate e apparati di sicurezza israeliani. È una questione che brucia e, stando a Lieberman, finché questi atteggiamenti non muteranno Israele non tornerà al tavolo dei negoziati.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo