Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

In Siria la povertà produce lavoratori bambini

26/02/2009  |  Damasco
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La piaga del lavoro minorile in Siria sembra non arrestarsi. È l'allarme lanciato dai difensori dei diritti umani. Nonostante che nel Paese ci siano leggi che impediscono l'impiego dei bambini sotto i 15 anni, limite che sale a 17 per i lavori particolarmente impegnativi sul piano fisico, il numero dei lavoratori al di sotto di questa soglia di età è in costante crescita. Uno studio condotto nel 2007 dall'Ufficio di Statistica e dall'Unicef, ha dimostrato che sono oltre 620 mila i lavoratori tra i 10 e i 17 anni.


La piaga del lavoro minorile in Siria sembra non arrestarsi. È l’allarme lanciato dai difensori dei diritti umani. Nonostante che nel Paese ci siano leggi che impediscono l’impiego dei bambini sotto i 15 anni, limite che sale a 17 per i lavori particolarmente impegnativi sul piano fisico, il numero dei lavoratori al di sotto di questa soglia di età è in costante crescita. Uno studio condotto nel 2007 dall’Ufficio di Statistica e dall’Unicef, ha dimostrato che sono oltre 620 mila i lavoratori tra i 10 e i 17 anni. Non è uno scenario insolito incontrare, per le vie delle grandi città o nei centri di rilevanza turistica, bambini che voltano le spalle all’istruzione e vengono mandati a lavorare per aiutare le famiglie in difficoltà.

Sempre più bambini sono costretti a lasciare la scuola, che in Siria è obbligatoria e gratuita fino al nono grado. Uno di loro è Mohammed, 12 anni, garzone per un fast food di Homs, la terza città siriana per importanza dopo Damasco e Aleppo, situata sulle rive del fiume Oronte. «Siamo una famiglia povera – dice Mohammed – io, i miei fratelli e mio papà lavoriamo tutto il giorno per avere i soldi per pagare l’affitto». Anche se la legge vieta di impiegare ragazzini per più di 6 ore al giorno, e soprattutto tra le 19 e le 6, Mohammed lavora fino a tarda sera: «Ho smesso la scuola perché stando al lavoro tutti i giorni fino a tardi non riesco a svegliarmi per tempo la mattina». Tutto questo per l’equivalente di 5 dollari al giorno, poco più di 250 lire siriane. Una t-shirt ricordo costa attorno alle 200 lire…

Come Mohammed c’è Omar, che ha 15 anni e lavora come assistente idraulico da quando il padre è morto e la madre si è ammalata.

Mohammed e Omar sono solo due casi dell’alto numero dei bambini lavoratori, che raggiunge il 18 per cento della popolazione tra i 10 e i 17 anni. Il 65 per cento di questi bambini lavora nell’agricoltura, spesso vengono reclutati insieme alle proprie famiglie, e ricevono un salario inferiore rispetto agli adulti, pur lavorando allo stesso modo e nelle stesse condizioni. La metà di loro, se lavora con la famiglia, non riceve stipendio.

Bassam al-Qadi, direttore del sito Women of Syria, che si occupa dei diritti di donne e bambini, sostiene che il governo non faccia abbastanza per il rispetto delle condizioni del lavoro, e che a dispetto delle leggi vigenti il lavoro minorile sta diventando sempre più comune. Forse anche a causa della situazione economica del Paese. Le famiglie sono sempre più povere, e si affidano a ogni mezzo pur di racimolare dei redditi supplementari. Al-Qadi aggiunge che i politici preferiscono non intervenire per far rispettare le leggi, ma lasciano che siano i genitori a decidere dei propri figli, soprattutto nelle zone più povere, dove la decisione di mettere i bambini al lavoro è diventata ormai un «affare di famiglia». Per le aziende che trasgrediscono la legge è previsto soltanto il pagamento di una multa.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro