Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dopo Bush, raid su Gaza

16/01/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

È l'inesorabile legge del pendolo in Medio Oriente. Dopo i grandi discorsi intorno al viaggio di George W. Bush, lunedì si riuniscono per la prima volta le delegazioni israeliana e palestinese per discutere dei famosi nodi eternamente aperti del conflitto (confini, profughi, Gerusalemme, eccetera). E che succede martedì? Puntuale arriva l'incursione israeliana a Gaza, rinviata la scorsa settimana per evitare di guastare la festa a Bush. E tra Gaza e Sderot diventa la giornata più insanguinata degli ultimi mesi.


È l’inesorabile legge del pendolo in Medio Oriente. Dopo i grandi discorsi intorno al viaggio di George W. Bush, lunedì si riuniscono per la prima volta le delegazioni israeliana e palestinese per discutere dei famosi nodi eternamente aperti del conflitto (confini, profughi, Gerusalemme, eccetera). E che succede martedì? Puntuale arriva l’incursione israeliana a Gaza, rinviata la scorsa settimana per evitare di guastare la festa a Bush. E tra Gaza e Sderot diventa la giornata più insanguinata degli ultimi mesi. Diciannove palestinesi uccisi e cinquanta feriti dai soldati israeliani, un lavoratore ecuadoregno di un kibbutz colpito a morte da un cecchino palestinese, quattro israeliani feriti da un Qassam a Sderot.

Mai incursione israeliana a Gaza fu più annunciata di questa. E mai fu più inutile. Lo spiegava molto bene – su Yedioth Ahronot, prima ancora che iniziasse l’operazione – Eitan Habel, cioè l’ex braccio destro di Yitzhak Rabin. Nell’articolo elenca le ragioni a favore e quelle contro a una rioccupazione militare di Gaza. Per arrivare all’unica conclusione possibile: occupare di nuovo la Striscia sarebbe efficace quanto la guerra del 2006 in Libano. Che ha lasciato Hezbollah più forte di prima.

Però per Israele è inconcepibile non reagire. E allora ecco il raid di ieri. Che rischia di avere effetti disastrosi. Per capirlo basta leggere i commenti del governo Fayyad, quello «amico», quello che Olmert descrive come il partner affidabile. Ieri descriveva quanto accaduto a Gaza una «carneficina». Non è il viatico migliore per una trattativa sullo «status finale» che già si sapeva lunga e complessa.

La verità è che oggi non funziona più la massima di Rabin secondo cui bisogna combattere il terrorismo come se non ci fosse una trattativa di pace e portare avanti le trattative di pace come se non ci fosse terrorismo. Poteva valere, forse, fino al giugno 2007. Ma da quando chi governa a Ramallah è diverso da chi ha in mano Gaza, servirebbe qualche ragionamento un po’ più complesso. Perché ogni raid su Hamas a Gaza è un colpo alla credibilità di Abu Mazen. Già non eccelsa nella piazza palestinese.

I Qassam da Sderot sono un problema serio. Non bisogna dimenticare i quattordici morti israeliani che hanno già prodotto. E l’ombra di paura inaccettabile che provocano sulla vita degli abitanti di questa città. Ma l’esperienza lo dimostra: sette anni di raid non sono serviti a nulla. Solo un processo di pace serio, con percorsi e obiettivi chiari, può depotenziare questa minaccia.

È a Ramallah che si vince la battaglia di Gaza. Israele non può illudersi di trattare con Abu Mazen e contemporaneamente combattere nella Striscia. È una strada che non può funzionare. Su questo – se davvero ha intenzione di fare sul serio – sarebbe ora che Washington cominciasse a farsi sentire.

Clicca qui per leggere l’articolo di Eitan Habel

Clicca qui per leggere le reazioni del governo di Ramallah ai raid israeliani

La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme