Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Raccontare gli arabi

30/07/2007  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Raccontare gli arabi
Musulmani arabi nella Moschea degli Omayyadi a Damasco, in Siria. (foto G. Caffulli)

Porta di Jaffa, oggi, su un articolo molto coraggioso apparso sul quotidiano israeliano Yedioth Ahronot. Coraggioso perché ha a che fare con una questione sempre più decisiva, non solo in Medio Oriente. Parla infatti del modo di raccontare il mondo arabo. Dror Ze'evi passa in rassegna le notizie date nelle ultime ore da tivù e giornali sui Paesi islamici. E vi ritrova come dominante il registro dell'«incredibile». «È come se avessimo perso - scrive Ze'evi - la voglia di capire realmente il mondo arabo e islamico e ci fossimo rassegnati a mettere in luce solo il ridicolo».


Porta di Jaffa, oggi, su un articolo molto coraggioso apparso su un giornale israeliano. Coraggioso perché ha a che fare con una questione sempre più decisiva, non solo in Medio Oriente. Parla infatti del modo di raccontare il mondo arabo.

Dror Ze’evi passa in rassegna le notizie date nelle ultime ore da tivù e giornali sui Paesi islamici. E vi ritrova come dominante il registro dell’«incredibile»: che sia il mago che in Arabia Saudita sembra tagliarsi un braccio con la spada o Farfur, il Topolino in versione Hamas, il tema è sempre «quella strana gente che sono gli arabi».

I nostri media – accusa l’articolo – si concentrano su storie che sono marginali nel mondo arabo, piuttosto che offrire occasioni serie di discussione. «È come se avessimo perso – scrive Ze’evi – la voglia di capire realmente il mondo arabo e islamico e ci fossimo rassegnati a mettere in luce solo il ridicolo». Invece in quei Paesi c’è anche un dibattito interno, una vivacità di voci su temi importanti, che non trova mai spazio.

Oltre a denunciare, l’articolo si spinge più avanti, sottolineando il ruolo che giocano in questo processo di banalizzazione alcuni siti internet specializzati nel rilanciare «orrori» dal mondo arabo. Alla fine – isolando singoli aspetti – danno una visione falsata della realtà. Sarebbe come – scrive ancora Ze’evi – se per descrivere Israele ci si fermasse al rabbino Ovadia Yossef quando sentenzia che un uomo non può farsi tagliare i capelli da una donna o agli epiteti con cui i ledaer delle organizzazioni dei coloni apostrofano i palestinesi.

In Israele – aggiungiamo noi – c’è anche gente che sul mondo arabo e islamico scrive articoli coraggiosi come questo. Riconoscendo che anche dall’altra parte c’è chi non si ferma agli stereotipi. Forse varrebbe la pena di leggere queste parole tenendo presente anche certe polemiche che in questi giorni popolano i quotidiani italiani. Gli stessi che – guarda caso – per rilanciare i loro allarmi sul mondo arabo ricorrono agli stessi siti internet contro cui punta il dito Dror Ze’evi.
 

Clicca qui per leggere l’articolo di Yedioth Ahronot

La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo
Querida Amazonia
Giuseppe Buffon, Papa Francesco

Querida Amazonia

Testo integrale della Esortazione postsinodale e del Documento Finale del Sinodo speciale per l’Amazzonia
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana