Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

A Betlemme un pellegrinaggio inglese nel segno dell’ecumenismo

19/12/2006  |  Londra
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Betlemme un pellegrinaggio inglese nel segno dell’ecumenismo
I quattro leader cristiani britannici. Da sinistra: Hovhannisian, Coffey, Williams, Murphy-O'Connor.

È quasi un blitz quello che quattro leader cristiani del Regno Unito compiranno a Gerusalemme e Betlemme nei pochi giorni che ci separano dal Natale. Accompagnati dalla preghiera delle loro comunità, i capi dei fedeli cattolici, anglicani, armeni e luterani inglesi porteranno solidarietà ai cristiani di Terra Santa. Idealmente il loro viaggio sarà anche un invito a riprendere senza timore i pellegrinaggi. Nella basilica della Natività i quattro ecclesiastici pregheranno insieme prima di rientrare a Londra per le tradizionali celebrazioni natalizie.


Sarà un pellegrinaggio lampo dal valore simbolico – preparato per tutto l’Avvento dalla preghiera delle loro comunità – quello che domani condurrà in Terra Santa quattro responsabili delle Chiese cristiane del Regno Unito.

Partono insieme il cardinale Cormac Murphy-O’Connor, arcivescovo cattolico di Westminster; il primate anglicano e arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, il primate della Chiesa armena di Gran Bretagna, Nathan Hovhannisian e il moderatore delle Chiese libere, reverendo David Coffey.

Vogliono portare solidarietà ai cristiani di quelle terre in prossimità di un Natale che vedrà un afflusso ancora esiguo di pellegrini e ricorre in un contesto socio-politico più che mai denso di tensioni e incognite.

Il gruppo di pellegrini, giunto a Gerusalemme, incontrerà i capi delle Chiese locali e il giorno 21 si recherà a Betlemme dove risiederà fino al ritorno a Londra fissato per sabato 23 dicembre.

Anche nella cittadina palestinese gli ecclesiastici inglesi incontreranno esponenti delle comunità cristiane.

È inoltre prevista una visita alla basilica della Natività dove si svolgerà un momento di preghiera e culto ecumenico.

L’iniziativa vuole anche stimolare i cristiani di tutto il mondo a non dimenticare i loro fratelli in Terra Santa.

Commentando l’imminente partenza il cardinal Murphy-O’Connor ha dichiarato: «Siamo entusiasti per la preghiera delle nostre comunità durante l’Avvento, mentre noi preparavamo il pellegrinaggio e nei prossimi giorni, mentre saremo in Terra Santa. I figli di Betlemme e il loro futuro ci stanno particolarmente a cuore. Le vostre preghiere e il vostro sostegno per noi e per la popolazione di Betlemme sono un modo per esprimere la nostra unità in Cristo».

La scelta di un pellegrinaggio ecumenico richiama alla mente quanto dichiarato da Benedetto XVI e dall’arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, durante la visita resa da quest’ultimo al Papa il 23 novembre scorso. Nella Dichiarazione comune sottoscritta da Ratzinger e Williams al termine dell’incontro leggiamo: «Ci sono molti ambiti di testimonianza e servizio nei quali possiamo essere compatti e che ci richiedono una più forte cooperazione». «Il perseguimento della pace in Terra Santa» è proprio il primo degli ambiti elencati.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro