Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

A Betlemme un pellegrinaggio inglese nel segno dell’ecumenismo

19/12/2006  |  Londra
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Betlemme un pellegrinaggio inglese nel segno dell’ecumenismo
I quattro leader cristiani britannici. Da sinistra: Hovhannisian, Coffey, Williams, Murphy-O'Connor.

È quasi un blitz quello che quattro leader cristiani del Regno Unito compiranno a Gerusalemme e Betlemme nei pochi giorni che ci separano dal Natale. Accompagnati dalla preghiera delle loro comunità, i capi dei fedeli cattolici, anglicani, armeni e luterani inglesi porteranno solidarietà ai cristiani di Terra Santa. Idealmente il loro viaggio sarà anche un invito a riprendere senza timore i pellegrinaggi. Nella basilica della Natività i quattro ecclesiastici pregheranno insieme prima di rientrare a Londra per le tradizionali celebrazioni natalizie.


Sarà un pellegrinaggio lampo dal valore simbolico – preparato per tutto l’Avvento dalla preghiera delle loro comunità – quello che domani condurrà in Terra Santa quattro responsabili delle Chiese cristiane del Regno Unito.

Partono insieme il cardinale Cormac Murphy-O’Connor, arcivescovo cattolico di Westminster; il primate anglicano e arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, il primate della Chiesa armena di Gran Bretagna, Nathan Hovhannisian e il moderatore delle Chiese libere, reverendo David Coffey.

Vogliono portare solidarietà ai cristiani di quelle terre in prossimità di un Natale che vedrà un afflusso ancora esiguo di pellegrini e ricorre in un contesto socio-politico più che mai denso di tensioni e incognite.

Il gruppo di pellegrini, giunto a Gerusalemme, incontrerà i capi delle Chiese locali e il giorno 21 si recherà a Betlemme dove risiederà fino al ritorno a Londra fissato per sabato 23 dicembre.

Anche nella cittadina palestinese gli ecclesiastici inglesi incontreranno esponenti delle comunità cristiane.

È inoltre prevista una visita alla basilica della Natività dove si svolgerà un momento di preghiera e culto ecumenico.

L’iniziativa vuole anche stimolare i cristiani di tutto il mondo a non dimenticare i loro fratelli in Terra Santa.

Commentando l’imminente partenza il cardinal Murphy-O’Connor ha dichiarato: «Siamo entusiasti per la preghiera delle nostre comunità durante l’Avvento, mentre noi preparavamo il pellegrinaggio e nei prossimi giorni, mentre saremo in Terra Santa. I figli di Betlemme e il loro futuro ci stanno particolarmente a cuore. Le vostre preghiere e il vostro sostegno per noi e per la popolazione di Betlemme sono un modo per esprimere la nostra unità in Cristo».

La scelta di un pellegrinaggio ecumenico richiama alla mente quanto dichiarato da Benedetto XVI e dall’arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, durante la visita resa da quest’ultimo al Papa il 23 novembre scorso. Nella Dichiarazione comune sottoscritta da Ratzinger e Williams al termine dell’incontro leggiamo: «Ci sono molti ambiti di testimonianza e servizio nei quali possiamo essere compatti e che ci richiedono una più forte cooperazione». «Il perseguimento della pace in Terra Santa» è proprio il primo degli ambiti elencati.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture