Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il pane, quotidiano e divino, al Museo di Israele

16/06/2006  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nelle vicinanze del Parlamento israeliano, a Gerusalemme, sorge una delle più importanti istituzioni culturali della città: il Museo d'Israele. In questa sede si è aperta una interessante mostra temporanea sul pane, elemento di uso quotidiano e di valore sacrale presente nelle religioni monoteistiche.



(Mab) – Ai primi di giugno si è aperta al Museo di Israele, a Gerusalemme, una mostra temporanea dal titolo Il pane: quotidiano e divino.

Alla cerimonia inaugurale, svoltasi nei giardini del Museo, hanno preso parte varie autorità religiose e un pubblico di ebrei, cristiani e musulmani. Ospite d’onore il gran rabbino di Israele, rav Yona Metzger, che ha anche pronunziato la benedizione su un pane prima di dividerlo con altre personalità presenti.

Prima di visitare l’esposizione, gli ospiti sono stati invitati a dividere un «pane dello shabbat» di 6 metri di lunghezza – confezionato per l’occasione -, ma anche tutti gli altri tipi di pane che sono di uso quotidiano nel Paese.

La mostra è un percorso iniziatico non soltanto sul processo di fabbricazione del pane, ma anche sulla portata popolare, sociale, religiosa e addirittura politica che esso possiede nelle tre grandi religioni monoteistiche.

A numerose comunità religiose è stato richiesto di prestare un oggetto simbolizzante il loro «uso del pane», e così le suore spagnole Figlie del Calvario (Hijas del Calvario) hanno prestato anche uno degli stampi con cui confezionano le ostie qui a Gerusalemme.

I francescani hanno prestato nove oggetti, tra cui un tabernacolo del XVIII secolo e una patena. Anche armeni, i russo-ortodossi, e i siriani cattolici hanno messo a disposizione alcuni oggetti.

La mostra rimane aperta fino al 21 ottobre prossimo al Museo di Israele, Padiglione Weisbord.

 

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine