Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

L’apprensione della Santa Sede

14/06/2006  |  Città del Vaticano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Dopo la recrudescenza di operazioni belliche nei giorni scorsi tra Israele e palestinesi, il Vaticano esprime a voce alta la sua preoccupazione e invita a tutelare la vita della popolazione civile. La posizione vaticana resa pubblica questa mattina con una nota del direttore della Sala stampa Joaquín Navarro-Valls.


Questa mattina la Sala stampa vaticana ha diffuso una nota del suo direttore, Joaquín Navarro-Valls, in cui la Santa Sede esprime preoccupazione per le nuove tensioni e difficoltà di dialogo tra i governi di Israele e dell’Autorità palestinese.

Ecco il testo della nota: 

«La Santa Sede segue con grande apprensione e dolore gli episodi di crescente, cieca violenza, che insanguinano in questi giorni la Terra Santa. Il Santo Padre è vicino, in modo particolare con la preghiera, alle vittime innocenti, ai loro familiari e alle popolazioni di quella terra, ostaggio di quanti si illudono di poter risolvere i problemi sempre più drammatici della regione con la forza o in modo unilaterale».

«La Santa Sede invita la comunità internazionale ad attivare rapidamente i mezzi necessari per la doverosa assistenza umanitaria della popolazione palestinese, e si associa nel sollecitare i responsabili di entrambi i popoli perché sia anzitutto mostrato il dovuto rispetto per la vita umana, specie quella dei civili inermi e dei bambini, e sia ripresa con coraggio la via del negoziato, l’unica che può portare alla pace giusta e duratura a cui tutti aspirano».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora