Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Cercare altre strade per la pace in Terra Santa

Terrasanta.net
30 gennaio 2023
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Cercare altre strade per la pace in Terra Santa
Papa Francesco parla ai fedeli riuniti in piazza San Pietro per la preghiera dell'Angelus. (foto Vatican Media)

Rinfocolare odio e violenza, anche in nome dell'autodifesa, non farà che perpetuare l'avversione tra israeliani e palestinesi. Il Papa e i capi delle Chiese di Terra Santa chiedono invece moderazione, dialogo e impegno comune per la pace.


(g.s.) – Dopo aver recitato l’Angelus con i pellegrini presenti in piazza San Pietro a mezzogiorno di ieri, 29 gennaio 2023, papa Francesco ha espresso il suo cordoglio e il suo dolore per gli sviluppi degli ultimi giorni in Israele e nei Territori palestinesi, con le vite stroncate a Jenin, in Cisgiordania, durante un raid antiterrorismo dell’esercito israeliano il 26 gennaio e l’attentato, del 27 sera, alla sinagoga di Neve Yaakov, a Gerusalemme Est.

«Con grande dolore – ha detto il Papa – apprendo le notizie che giungono dalla Terra Santa, in particolare della morte di dieci palestinesi, tra cui una donna, uccisi durante azioni militari israeliane antiterrorismo in Palestina; e di quanto accaduto vicino a Gerusalemme venerdì sera, quando sette ebrei israeliani sono stati uccisi da un palestinese e tre sono stati feriti all’uscita dalla sinagoga. La spirale di morte che aumenta di giorno in giorno non fa altro che chiudere i pochi spiragli di fiducia che ci sono tra i due popoli. Dall’inizio dell’anno decine di palestinesi sono rimasti uccisi negli scontri a fuoco con l’esercito israeliano. Faccio appello ai due governi e alla comunità internazionale, affinché si trovino, subito e senza indugio, altre strade, che comprendano il dialogo e la ricerca sincera della pace. Preghiamo per questo, fratelli e sorelle!».

La voce delle Chiese di Terra Santa

Da Gerusalemme, sempre domenica, si è levata anche la voce dei patriarchi e capi di tutte le comunità cristiane (non solo cattoliche) di Terra Santa.

La loro dichiarazione si dischiude con un invito a moderarsi se non si vuole rinfocolare un circolo vizioso sempre più nefasto: «Noi, Patriarchi e Capi delle Chiese di Gerusalemme, invitiamo tutti alla moderazione. Abbiamo costantemente messo in guardia da un ciclo di violenza sempre più crescente e insensato che causerà per tutti solo dolore e sofferenza. Un tale stato di cose porterà quasi certamente ulteriori atti efferati, allontanandoci dalla tanto ricercata pace e stabilità che tutti noi cerchiamo».

«Monitorando da vicino questa deplorevole situazione – continua la dichiarazione –, abbiamo concluso che questa proliferazione di violenza, che ha portato alla morte ingiustificata di 32 palestinesi e 7 israeliani dall’inizio del nuovo anno, sembra auto-perpetuarsi. Sicuramente continuerà e si intensificherà, a meno che non venga intrapreso un intervento deciso da parte dei leader comunitari e politici di tutte le parti. Tutti dobbiamo lavorare insieme per disinnescare le attuali tensioni e avviare un processo politico basato su principi di giustizia consolidati, che porti a una pace duratura e alla prosperità per tutti. In linea con ciò, in questi tempi così difficili, chiediamo a tutte le parti di rispettare la fede religiosa dell’altro e di mostrare rispetto per tutti i siti sacri e i luoghi di culto». Espressioni non nuove, ma che non per questo suonano meno sensate.

Concludono i patriarchi e capi religiosi dei cristiani di Terra Santa: «All’indomani di quest’ultima tragica ondata di violenza, preghiamo per le persone uccise e ferite e chiediamo che Dio resti vicino alle loro famiglie e ai loro cari. Preghiamo anche per la guarigione dei feriti e perché l’Onnipotente dia forza e perseveranza a coloro che si prendono cura di loro. Infine, chiediamo che Dio conceda saggezza e prudenza ai leader politici e alle persone influenti di tutte le parti, guidandoli a individuare modi per aiutarci a superare la violenza, a mantenere sicure le nostre comunità e a lavorare instancabilmente per raggiungere una soluzione giusta e pacifica per la nostra amata Terra Santa».


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da più di 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento
Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale