Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Le «guardie svizzere» del Santo Sepolcro

Terrasanta.net
23 settembre 2022
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Le «guardie svizzere» del Santo Sepolcro
Tre kawas ai margini di una celebrazione cristiana a Gerusalemme. (foto Enrique Bermejo/CTS)

Presenze irrinunciabili alle processioni cristiane, i kawas non fanno solo parte del folklore di Gerusalemme. Nascono all’interno dell’Impero ottomano come guardie della Sublime Porta di Istanbul. Bordone in mano, sciabola al fianco e tarbouche in testa (la tradizionale feluca), i kawas, tra il XVII e il XX secolo vengono impiegati come guardie del corpo incaricate della protezione di consoli, ambasciatori e altri diplomatici europei di passaggio in Palestina, ma anche in Egitto, Siria o Libano.

Quando l’Impero ottomano cade, continuano a servire le tre principali Chiese di Gerusalemme (greco-ortodossa, latina e armena). Anche l’ortografia del loro nome è dibattuta: kawas, cavas, kavas… In arabo, il termine kawas significa «arciere», anche se l’arco non fa più parte del loro equipaggiamento. Oggi il corpo di questa sorta di «guardie svizzere» conta una dozzina di elementi, che accompagna con il ritmo cadenzato del bastone l’ingresso delle principali celebrazioni cristiane.

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita
«Voi chi dite che io sia?»
Francesco Patton

«Voi chi dite che io sia?»

In cammino con Pietro sulle orme di Gesù