Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

A Gerusalemme Est Israele accelera i progetti di colonizzazione

Cécile Lemoine
18 novembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Gerusalemme Est Israele accelera i progetti di colonizzazione
Una bandiera israeliana lunedì 16 novembre sventola nel quartiere di Givat Hamatos, a Gerusalemme Est (foto Yonatan Sindel/Flash90)

Il governo di Israele approfitta di questi ultimi mesi di clima geopolitico favorevole, prima che Trump lasci la Casa Bianca, per procedere nella costruzione di una enclave ebraica a Gerusalemme Est. Un altro progetto che va contro la soluzione dei due Stati.


L’annuncio solleva critiche a livello internazionale. L’Autorità israeliana del territorio domenica 15 novembre ha pubblicato una gara d’appalto per l’apertura dei cantieri per oltre 1.250 alloggi nella zona di Givat Hamatos. Situata nei Territori palestinesi, a sud della Linea verde che divide Gerusalemme dal 1967 (ma a nord del muro di separazione edificato dagli israeliani all’inizio di questo secolo – ndr), l’enclave è un’area strategica.

Nella mappa di Ir Amim l’area di di Givat Hamatos è evidenziata in rosso, tra Gerusalemme e Betlemme. (clicca col tasto destro del mouse sull’immagine per ingrandirla)

 

«I nuovi alloggi circonderanno il villaggio di Beit Safafa e bloccheranno la continuità territoriale palestinese, mettendo ulteriormente in discussione la soluzione di uno Stato palestinese con Gerusalemme Est (cioè i quartieri oltre la Linea verde – ndr) come capitale», protesta l’associazione Ir Amim, che si batte per rendere Gerusalemme una città più giusta e sostenibile per i suoi abitanti, siano essi israeliani o palestinesi. «Assistiamo a un tentativo di annessione de facto e ciò non può continuare», ha dichiarato l’ambasciatore Sven Kühn Von Burgsdorff, che rappresental’Unione Europea a Gerusalemme, durante un sopralluogo effettuato a Givat Hamatos il 16 novembre.

Israele coglie l’attimo

Il progetto risale al 2014. ma ha dovuto essere sospeso per l’opposizione internazionale. Miki Zohar, membro della Knesset e fedele alleato di Benjamin Netanyahu, racconta su Twitter che il ritorno al progetto di Givat Hamatos era pianificato dal mese di marzo 2020. Non restava che trovare il momento giusto per passare all’azione. L’alternanza politica alla Casa Bianca ha offerto al primo ministro una finestra temporale ideale. L’ultima data per partecipare alla gara d’appalto è il 18 gennaio 2021, due giorni prima della fine della presidenza di Donald Trump. «Sono sicuro che il nostro amico presidente Trump e il primo ministro Netanyahu ne trarranno un successo», ha twittato il deputato del Likud.

La visita di Pompeo

Donald Trump ha condotto una politica estera estremamente favorevole a Israele, trasferendo l’ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme e legittimando il processo di colonizzazione. In occasione di una visita in Israele in corso in questi giorni, il segretario di Stato Mike Pompeo sarà il primo responsabile della diplomazia Usa a visitare una colonia in Cisgiordania.

La retorica dovrebbe cambiare con l’assunzione dell’incarico da parte di Joe Biden il prossimo 20 gennaio. Contrario a queste operazioni, il presidente eletto ha già affrontato Benjamin Netanyahu dieci anni fa, in merito al piano di costruzione di un’altra enclave ebraica di Gerusalemme Est chiamata Ramat Shlomo. Il disaccordo aveva condotto a una rottura diplomatica e spinto Netanyahu a congelare temporaneamente e in modo non ufficiale nuove costruzioni a Gerusalemme Est.


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z
Il nonno e la bambina
Roberto Piumini

Il nonno e la bambina