Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

In Siria nuove sorprese sul fronte bellico?

Fulvio Scaglione
26 ottobre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nel disinteresse internazionale, succede qualcosa di strano nel Nord della Siria, dove la Turchia va rafforzando la propria presenza militare. Preludio di uno scontro diretto tra l'esercito turco e quello siriano o null'altro che scaramucce con Mosca?


Neanche la morte violenta di Sheikh Mohammad Adnan Afyouni, il mufti di Damasco ucciso il 22 ottobre scorso con una carica di esplosivo piazzata nella sua auto, è riuscita a riportare un po’ di attenzione sulla Siria. Afyouni non era un personaggio da poco, aveva svolto un ruolo importante nelle trattative che avevano portato alla tregua tra i gruppi armati dei sobborghi della capitale e l’esercito di Bashar al-Assad. Eppure il suo assassinio, di certo organizzato dai gruppi islamisti radicali, è passato da noi quasi inosservato.

Allo stesso modo, nessuno sembra più occuparsi di quanto avviene nel Nord della Siria, nella vasta area in cui convivono gli eserciti di Turchia, Russia e Siria e le milizie dei curdi, dei qaedisti di Hayat Tahrir al-Sham (Hts) e dell’Esercito libero siriano. Lì succede qualcosa di strano.

Per tutto l’anno la Turchia ha rinforzato la propria presenza militare al ritmo di due-tre convogli la settimana. Risultato: 140 avamposti dotati di veicoli corazzati, carri armati, cannoni e armi anti-aeree. Secondo il famoso (e contestato) Osservatorio siriano per i diritti umani, tra febbraio e ottobre 2020 quasi 12 mila camion militari turchi sono entrati nella provincia di Idlib.

Lo sforzo è servito alla Turchia anche per rinsaldare gli otto punti di osservazione intorno all’autostrada M4 che sono sotto il suo controllo, benché accerchiati dalle truppe siriane dopo l’offensiva del febbraio scorso. Per bloccare gli scontri, i turchi si acconciarono a firmare a Sochi, il 5 marzo, un accordo con la Russia. Vladimir Putin teneva a freno le smanie di rivincita di Assad e garantiva ai turchi la sicurezza. Erdogan si impegnava a disarmare gli jihadisti di Hayat Tahrir al-Sham e a non bloccare le autostrade M4 e M5. Il secondo obiettivo è stato più o meno raggiunto. Il primo no. Non solo gli jihadisti sono ancora attestati a Idlib e dintorni con tutte le loro armi, ma la Turchia si è anche data molto da fare per rifornirli e addestrarli.

Ma eccoci al fatto strano. Negli ultimi giorni la Turchia ha cominciato a lasciare i suoi punti di osservazione. Quello di Morek è già stato abbandonato e sono in corso i preparativi per fare altrettanto con gli altri sette. Una «ritirata»? Difficile, dal momento che il Parlamento turco, accogliendo le richieste di Erdogan, ha rinnovato di un anno il mandato per le operazioni militari oltre il confine siriano. E resta vivo il progetto turco di una «fascia di sicurezza» in territorio siriano, lungo tutto il confine tra Siria e Turchia, per neutralizzare quello che per Ankara è il terrorismo curdo.

Secondo alcuni c’entrano le pressioni del Cremlino. I russi hanno interrotto i pattugliamenti che servivano a garantire la sicurezza delle truppe turche negli otto avamposti, proprio mentre l’esercito siriano dava segni di risveglio e le proteste dei civili siriani (forse meno spontanee di quanto si voglia far credere) crescevano. Sarebbe la dimostrazione che Putin ha gradito poco le promesse mantenute a metà dai turchi e ancor meno l’arrivo nel Caucaso, via l’Azerbaigian in guerra con l’Armenia, degli jihadisti trasferiti da Idlib che Erdogan utilizza (lì oltre che in Libia) come truppe di complemento.

Questa, tutto sommato, è l’ipotesi migliore. Perché ce n’è un’altra, di gran lunga più temibile. E cioè che Erdogan veda all’orizzonte lo scontro con l’esercito di Assad e quindi abbia deciso di abbandonare degli avamposti comunque non difendibili per attestarsi su posizioni più solide. Speriamo che non sia vero.


 

Perché Babylon

Babilonia è stata allo stesso tempo una delle più grandi capitali dell’antichità e, con le mura che ispirarono il racconto biblico della Torre di Babele, anche il simbolo del caos e del declino. Una straordinaria metafora del Medio Oriente di ieri e di oggi, in perenne oscillazione tra grandezza e caos, tra civiltà e barbarie, tra sviluppo e declino. Proveremo, qui, a raccontare questa complessità e a trovare, nel mare degli eventi, qualche traccia di ordine e continuità.

Fulvio Scaglione, nato nel 1957, giornalista professionista dal 1981, è stato dal 2000 al 2016 vice direttore di Famiglia Cristiana. Già corrispondente da Mosca, si è occupato in particolare della Russia post-sovietica e del Medio Oriente. Ha scritto i seguenti libri: Bye Bye Baghdad (Fratelli Frilli Editori, 2003), La Russia è tornata (Boroli Editore, 2005), I cristiani e il Medio Oriente (Edizioni San Paolo, 2008), Il patto con il diavolo (Rizzoli, 2016). Prova a raccontare la politica estera anche in un blog personale: www.fulvioscaglione.com

Perché l’Europa ci salverà
Bartolomeo Sorge, Chiara Tintori

Perché l’Europa ci salverà

Dialoghi al tempo della pandemia
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z