Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Spensierati a Purim

Terrasanta.net
12 marzo 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Spensierati a Purim
Ebrei ultraortodossi, adulti e bambini, a Gerualemme celebrano la festa di Purim nella yeshiva Belz il 10 marzo 2020. (foto Yonatan Sindel/Flash90)

(g.s.) – Sarà una smisurata fiducia nell’Onnipotente quella che nei giorni scorsi ha spinto molti ebrei ultraortodossi in Israele a celebrare – stretti stretti, come se nulla fosse – la festa di Purim?

L’emergenza coronavirus non è valsa a dissuaderli. Nelle stesse ore in Israele il conteggio delle persone contagiate dal Covid-19 era salito a 75, cioè 36 in più del giorno prima. Il governo continuava a fronteggiare l’emergenza con nuove misure, come quella di scoraggiare l’arrivo di viaggiatori stranieri e di considerare la chiusura delle scuole.

Purim («le sorti») ricorre ogni anno il 14 (e 15) del mese di Adar, dodicesimo del calendario ebraico. Ha il suo fondamento nel libro biblico di Ester, che narra – anche con pagine truci – una vicenda in cui il popolo giudaico scampa a chi lo vorrebbe sterminare, ricambiando il persecutore, e i suoi familiari e adepti, con la stessa moneta.

Dal momento che ricorda la vittoria su una minaccia esiziale, la ricorrenza è gioiosa. A Purim gli ebrei usano mascherarsi come accade a carnevale nei contesti cristiani.


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento
I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo