Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Siria, il destino incerto di Idlib

Terrasanta.net
28 febbraio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Siria, il destino incerto di Idlib
Donne e bambini nella sacca di Idlib hanno trovato rifugio in una grotta nei pressi del villaggio di Taltouna nel febbraio 2020. (foto Ali Syria/Flash90)

(g.c.) – Sono in corso intensi scontri armati nella Siria nord-occidentale tra l’esercito di Damasco, sostenuto dalla Russia, e le milizie ribelli ormai confinate nell’area di Idlib e appoggiate dalla Turchia. L’inasprimento dei combattimenti, in corso da settimane, avrebbe causato secondo l’Onu una nuova, imponente ondata di sfollati: almeno 900 mila persone. L’area contesa è quella di Idlib, che secondo i turchi dovrebbe diventare una zona cuscinetto sotto il controllo di Ankara per il reinsediamento dei profughi siriani presenti in Turchia.

La tensione è massima perché le forze turche hanno attaccato le truppe governative siriane, adducendo sconfinamenti alla frontiera fissata per la zona di de-escalation. Un numero imprecisato di soldati turchi è caduto vittima di raid aerei russi e dell’esercito siriano.

A preoccupare è soprattutto la situazione dei civili. Sarebbero state bombardate scuole e ospedali, mentre l’Onu parla di «inarrestabile aggravarsi della situazione». L’esodo in corso nel governatorato di Idlib sarebbe il più grave avvenuto dall’inizio del conflitto nel 2011.

L’Alto Commissario dell’Onu per i rifugiati, Filippo Grandi, non ha usato mezze parole per descrivere le condizioni in cui sopravvivono gli sfollati, molti dei quali accampati all’aperto. «Non devono essere migliaia di persone – ha ammonito Grandi – a pagare il prezzo delle divisioni della comunità internazionale, la cui incapacità di trovare soluzioni a questa crisi costituirà una macchia indelebile sulla coscienza di tutti».


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento
I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo