Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La tecnologia digitale «salva» un antico rotolo del Levitico

Terrasanta.net
30 settembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La tecnologia digitale «salva» un antico rotolo del <i>Levitico</i>
L'esito dello srotolamento virtuale dell'antica pergamena rinvenuta ad Ein Gedi. (foto IAA)

Una nuova tecnica di elaborazione di immagini digitali consente di svelare i segreti di un antichissimo rotolo manoscritto, troppo danneggiato per essere srotolato.


(n.h.) – Per i rilievi al radiocarbonio si tratta di un documento antico che risale al Terzo o Quarto secolo dopo Cristo. Ma c’è chi propone una datazione ancor più remota sulla scorta di considerazioni paleografiche, vale a dire dello studio delle forme e dell’evoluzione della scrittura applicato agli antichi manoscritti.

Quale che sia la sua età, sulla pergamena si trova la più antica versione del biblico libro del Levitico, del quale contiene i primi due capitoli. È quanto ha potuto determinare la squadra di ricercatori statunitensi e israeliani coinvolti nel progetto di ricerca sul reperto. La pergamena è tornata alla luce nel 1970, durante i lavori di scavo alla sinagoga di Ein Gedi, sulla riva occidentale del Mar Morto. Il rotolo è in gran parte carbonizzato e schiacciato, per cui si disintegra progressivamente ogni volta che lo si maneggia. Impossibile quindi stenderlo fisicamente steso su un piano: ogni intervento di tipo meccanico era impensabile.

Non restava che il ricorso alle tecnologie digitali. Il rapporto sugli interventi effettuati dagli esperti è oggetto di un lungo saggio pubblicato sulla rivista scientifica americana Science Advances, che spiega la metodologia utilizzata. I ricercatori sono stati in grado di ricostruire un’immagine virtuale del manoscritto come se fosse interamente dispiegato, con il testo distribuito su due colonne e 35 righe, 18 delle quali erano ben preservate e altre 17 sono state ricostruite.

Questa tecnica utilizza una tomografia avanzata e uno scanner 3D. È così possibile rilevare le tracce di metallo contenute nell’inchiostro e la trama del documento, permettendo così la ricostruzione virtuale dell’oggetto.

«La qualità delle immagini ottenute è stata per noi una grande sorpresa», ha sottolineato il professor Michael Segal, direttore della facoltà di Filosofia e Religione dell’Università ebraica di Gerusalemme. «Gran parte del testo è leggibile, tanto quanto quello dei manoscritti rinvenuti presso il Mar Morto» (il riferimento è ai rotoli di Qumran – ndr).

Leggendo il manoscritto, spiega il professor Segal, «ci ha colpito la somiglianza di alcuni passaggi con il Testo masoretico, che è considerato il testo di riferimento in seno al giudaismo. Talvolta c’è totale identità, fino al minimo dettaglio calligrafico e di organizzazione delle sezioni».

Dopo la scoperta dei rotoli del Mar Morto (a metà del secolo scorso – ndr), sottolinea lo specialista, questa versione dei due capitoli del terzo libro del Pentateuco «è fino ad oggi considerata il testo biblico più completo e significativo dell’antichità».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme