Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Amen, un’esperienza di ascolto e accoglienza

Terrasanta.net
9 settembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Amen, un’esperienza di ascolto e accoglienza
Credenti in dialogo nell'ambito dell'iniziativa "Amen" a Gerusalemme. (foto Yonatan Sindel/Flash90)

(g.s.) – Ai tempi della vita terrena di Gesù la Geenna era una valletta fuori le mura di Gerusalemme dove venivano buttati i rifiuti della città. Nella discarica maleodorante il fuoco ardeva in continuazione per incenerire l’immondizia e le carogne di animali. Per questo, nella sua predicazione, il Nazareno assimilava alla Geenna il castigo che incombe sui peccatori.

Oggigiorno la valle scavata dal torrente Hinnom (da cui Ge-Hinnom, Geenna), a sud ovest della Gerusalemme vecchia, è una sorta di giardino che ispira pace e armonia. Negli ultimi giorni – tra il 5 e l’11 settembre – è stata la cornice dell’iniziativa Amen, una casa di preghiera per tutti i credenti, ambito che ha offerto occasioni di ascolto reciproco, preghiera e canto a ebrei, cristiani e musulmani della città. Al culmine di un percorso di confronto iniziato mesi fa. Particolarmente coinvolti anche i membri della piccola comunità cattolica di lingua ebraica.

Fra Alberto Joan Pari, responsabile del dialogo ecumenico e interreligioso per la Custodia di Terra Santa, spiega il senso dell’iniziativa – inserita nell’edizione 2016 del festival Mekudeshetin questo video realizzato dal Christian Media Center.

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"