Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Michel, una voce nella notte

Terrasanta.net
14 giugno 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Michel, una voce nella notte
Michel Ayub per le vie del quartiere musulmano di Akko.

La storia di Michel Ayub che nelle notti del mese di Ramadan percorre le vie del centro storico di Akko – in Israele – per svegliare i musulmani col suo tamburello. Lui che musulmano non è.


(g.s.) – Un tempo figure come la sua erano essenziali e frequenti negli agglomerati musulmani durante il mese di Ramadan. Oggi, invece, è raro incontrare un musaharati perché sveglie e cellulari l’hanno soppiantato. Michel Ayub è tra i pochi rimasti e nel centro storico di Akko – la San Giovanni d’Acri crociata, affacciata sul Mediterraneo in quello che oggi è il Nord di Israele – è un personaggio. Al punto che la sua fama è rimbalzata sui media nazionali ed anche oltre confine, su molti giornali e siti Internet del mondo arabo e musulmano.

Il compito che Michel Ayub si è accollato è una scelta volontaria: da un decennio ormai, nelle notti di Ramadan percorre le strade dei quartieri musulmani ben prima dell’alba: cantilenando accompagnato da un tamburello dà la sveglia ai credenti perché possano consumare il pasto prima che le luci del giorno portino con sé l’obbligo del digiuno rituale. Con addosso il costume tradizionale di Damasco, che gli ha confezionato una donna drusa, Ayub riaccende nei più anziani ricordi remoti da evocare coi nipotini.

 

Michel si racconta in questo video realizzato dal Christian Media Center di Gerusalemme.

 

Lui, che di professione è carpentiere, ha una peculiarità che lo rende del tutto unico: è un cristiano e resta tale anche quando parla di Maometto e chiama i suoi seguaci a scuotersi dal torpore del sonno. A un giornalista di Haaretz che lo ha intervistato, questo scapolo 40enne spiega che non ci trova nulla di strano nel ruolo che si è scelto: «Al contrario. Lo vedo come un passo che avvicina la gente e simboleggia la nostra amicizia e il vivere insieme come comunità. Facciamo parte dello stesso popolo e, in definitiva, preghiamo un unico Dio».

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico